"Con queste restrizioni non so se resteremo aperti, chiudere alle 18 che senso ha?" - Lorenzo, titolare di un locale: "Forse proveremo con aperitivi mattutini"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 25/10

"Con queste restrizioni non so se resteremo aperti, chiudere alle 18 che senso ha?"

Lorenzo, titolare di un locale: "Forse proveremo con aperitivi mattutini"

Da sinistra: Lorenzo e Cristiano Caldarelli"Chiudere alle 18 che senso ha? Sembra quasi una presa in giro".

Lorenzo Caldarelli, 23 anni, è proprietario di un locale nella Vasto antica. Viste le restrizioni anti-Covid imposte dal Dpcm che entrerà in vigore domani, deve decidere se continuare o sospendere l'attività.

"Stiamo ancora decidendo cosa fare. Penso che, almeno per questa settimana, resteremo chiusi. Poi io e mio fratello Cristiano vedremo il da farsi, magari stando aperti di mattina almeno di sabato e domenica, ma dobbiamo valutare bene questa ipotesi, perché i fusti di birra sono da 24 litri e, dovendoli usare solo per due giorni, poi saremo costretti a buttarli, non possiamo certo tenerli una settimana.

Intanto, stasera resteremo aperti fino a mezzanotte. Poi, da domani, staremo chiusi. Forse, per una settimana o due, proveremo con l'asporto e poi si vedrà. Secondo me, questo provvedimento è esagerato, non solo per i locali come il mio, ma anche per i cinema, dove entra una persona alla volta e a ognuna viene controllata la temperatura. Proprio ora che la gente si stava abituando a uscire prima... La chiusura a mezzanotte ci poteva stare. I clienti si stavano adattando alle nuove regole, tant'è che questa settimana abbiamo lavorato bene. Ma che senso ha far chiudere alle 18 ristoranti e pub che lavorano di sera?".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi