Vive nel mattatoio da 20 giorni senz’acqua, si incatena davanti al municipio con i gilet arancioni - La protesta di Orlando Palmer. Menna: "Bolletta da 70mila euro a carico del Comune"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 23/10

Vive nel mattatoio da 20 giorni senz’acqua, si incatena davanti al municipio con i gilet arancioni

La protesta di Orlando Palmer. Menna: "Bolletta da 70mila euro a carico del Comune"

Vasto: la protesta di Orlando Palmer e dei gilet arancioniSi è incatenato davanti al municipio di Vasto. "E starò qui a oltranza, fino a quando il problema non verrà risolto", dice Orlando Palmer. Da venti giorni i rubinetti di casa sono a secco, perché "tre settimane fa gli addetti di Sasi e Comune sono venuti, insieme ai vigili, a distaccarmi il contatore". L'uomo vive da quindici anni in un alloggio all'interno dell'ex mattatoio di via Sant'Onofrio: "Nel 2005 - racconta - un documento, timbrato e firmato dall'allora responsabile del settore Servizi del Comune, mi ha autorizzato a utilizzare l'immobile a uso abitativo. Secondo l'amministrazione comunale, all'epoca hanno sbagliato ad assegnarmi quell'appartamento. Per anni ho cercato un accordo, anche con l'amministrazione precedente, ma non sono riuscito a trovarlo. 

Ho parlato col sindaco. Mi ha risposto dicendomi che il problema è un debito di 70mila euro del mattatoio nei confronti della Sasi. Ho anche chiesto se fosse possibile fare l'allaccio a nome mio, ma mi è stato risposto di no. Chiedo il rispetto dell'articolo 32 della Costituzione, che garantisce a tutti il diritto alla salute. Un diritto che a me, da venti giorni, non viene garantito, visto che l'acqua è di fondamentale importanza anche per le pulizie necessarie a prevenire il Covid". 

Il contenzioso col Comune va avanti da un anno. Prima si è pronunciato il Giudice di pace, poi la questione è approdata in Tribunale. A gennaio la prossima udienza. Nella protesta di stamani, Palmer è stato sostenuto anche da alcuni rapresentanti dei gilet arancioni.

La replica - "Si tratta - risponde il sindaco, Francesco Menna - di una vicenda complessa. Il diritto a una casa popolare è sacrosanto, ma attualmente a Vasto ci sono 115 persone in graduatoria che attendono una casa, ce ne sono altre nel bando per il diritto alla mobilità delle persone con disabilità fisiche e ci sono più di 10 famiglie a Punta Penna che devono essere evacuate perché il palazzo in cui abitano è a rischio crollo. Questa situazione genera una forte domanda di alloggi popolari. Il problema è che questa famiglia, come un'altra che pure risiede nell'ex mattatoio, non fa parte di nessuno di questi bandi, né mi risulta abbia mai partecipato a bandi analoghi. Assegnare una casa a persone che non stanno in un bando significa commettere un reato.

Riguardo agli alloggi dell'ex mattatoio, da 15 anni il Comune paga le utenze e si è visto recapitare una bolletta dell'acqua da 70mila euro. Il Comune ha ritenuto di non pagare per diverse ragioni. La Sasi, di tutta risposta, ha chiuso l'acqua. Ma se lì succede qualcosa, io ci vado di mezzo, perché gli alloggi sono accatastati come stalle. Sono stato costretto a chiudere il mattatoio, perché il Comune ci rimetteva 150mila euro l'anno, visto che le macellazioni erano ormai pochissime. Inoltre - conclude Menna - ho chiesto Asl di intervenire a causa delle discariche abusive di carcasse animali e della presenza di rifiuti speciali, un problema igienico-sanitario".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi