Sede dei Servizi sociali, è ancora polemica. Pennetta: "Menna e Marchesani su Scherzi a parte" - Il caso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 23/10

Sede dei Servizi sociali, è ancora polemica. Pennetta: "Menna e Marchesani su Scherzi a parte"

Il caso

Angela Pennetta (L'Acobaleno)"Ci sembra di stare su Scherzi a parte, ci hanno strappato una risata, anche se c'è solo da piangere". Così Angela Pennetta, leader del Comitato civico L'Arcobaleno, controreplica al sindaco di Vasto, Francesco Menna, e all'assessora alle Politiche sociali, Lina Marchesani. Motivo del contendere: i problemi della sede dei Servizi sociali. "Da 12 giorni non funziona Internet e non si possono dare risposte all'utenza, ci vengono a dire che hanno dato incarico a un tecnico. Capiamo che la macchina amministrativa è molto lenta, ma questi tempi biblici sono assolutamente inaccettabili.

Prendiamo atto dell'impegno degli amministratori ad assicurare la presenza di un vigilante e su questo vigileremo, ma sulle carenze strutturali degli uffici cosa pensano di fare? Acquistano almeno degli ombrelli affinché il personale possa ripararsi dalle intemperie imminenti? Non sarebbe più opportuno trovare una allocazione diversa e più dignitosa per tutot il personale che fino ad ora, con enorme difficoltà, ha tirato la carretta con grande abnegazione?".

Angela Pennetta annuncia che il comitato non mollerà "fino a quando non attuerete una soluzione degna per il lavoro salubre ed efficiente degli operatori dei servizi sociali. Soprattutto da un'ottima sindacalista quel è l'assessore Marchesani ci si aspetta altro: una tutela vera dei lavoratori tutti evitando la caccia alle streghe". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi