Tribunale respinge la richiesta di affidamento in prova, 49enne ai domiciliari - L’ordinanza eseguita dai carabinieri di Castiglione Messer Marino
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Tribunale respinge la richiesta di affidamento in prova, 49enne ai domiciliari

L’ordinanza eseguita dai carabinieri di Castiglione Messer Marino

Dovrà scontare la sua condanna ai domiciliari il 49enne di Castiglione Messer Marino, C.R., raggiunto dall'ordinanza del tribunale di Sorveglianza dell'Aquila per reati commessi nel 2012. Ad eseguire l'ordinanza di applicazione della detenzione domiciliare sono stati i carabinieri della stazione di Castiglione Messer Marino, agli ordini del maresciallo Francesco Tommasetti.

"Nel 2018 la Corte d’Appello di L’Aquila aveva confermato la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Vasto, infliggendo al 49 enne la pena di anni 2 di reclusione - spiega il capitano Alfonso Venturi, comandante della Compagnia di Atessa -.  L’ultimo atto il 6 ottobre scorso, con la decisione del Tribunale di Sorveglianza di L’Aquila che respingeva l’istanza presentata dal condannato di accedere al beneficio della misura dell’affidamento in prova al servizio sociale, ritenendo più idonea la misura della detenzione domiciliare richiesta in subordine. Il detenuto che dovrà espiare presso la propria abitazione, anni 1 mesi 7 e giorni 19 di pena, a seguito reati commessi nel 2012, dovrà attenersi scrupolosamente alle prescrizioni stabilite dal Tribunale di Sorveglianza, il cui rispetto sarà garantito dalla vigilanza dai Comandi alle dipendenze del Comando Compagnia carabinieri di Atessa". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi