Estate 2020, imprenditori guardano il bicchiere mezzo pieno. "Ma servono aiuti statali e regionali" - Il lavoro al tempo del Covid - Il bilancio di Confesercenti e Vivere Vasto Marina
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 21/10

Estate 2020, imprenditori guardano il bicchiere mezzo pieno. "Ma servono aiuti statali e regionali"

Il lavoro al tempo del Covid - Il bilancio di Confesercenti e Vivere Vasto Marina

Vasto, imprenditori e commercianti di Vivere Vasto MarinaNei giorni in cui crescono l’apprensione per la seconda ondata di Covid-19 e il rischio di nuove restrizioni, imprenditori e commercianti si girano un attimo indietro sforzandosi di guardare mezzo pieno il bicchiere dell’estate 2020.

“Per noi questa stagione è stata superiore alle aspettative, visto il periodo”, dice Piergiorgio Molino, presidente del consorzio commerciale Vivere Vasto Marina.

Comunque il bilancio non è roseo: “Le attività prima hanno perso e poi recuperato quello che potevano recuperare. Certo, gli operatori non possono essere contenti”, sintetizza Simone Lembo, direttore provinciale di Confesercenti turismo.

Simone Lembo (Confesercenti)Il 3 giugno, con la riapertura dei confini regionali, è iniziata la stagione balneare, ma prima di ingranare la marcia sono trascorse settimane. “Non c’è stata Pasqua, non c’è stato maggio”, ricorda Molino. “E il lavoro perso fino a fine maggio non si recupera, però nella fase centrale della stagione i volumi sono stati buoni. Abbiamo avuto un ottimo agosto, con presenze in crescita e turisti che hanno preferito weekend lunghi e case in affitto. Iniziata col turismo di prossimità, la stagione poi ha coinvolto soprattutto le regioni più colpite dal Covid, forse perché la nostra spiaggia molto ampia si presta al distanziamento”. Per il futuro, oltre al “decoro urbano”, serve anche “manodopera specializzata”, perciò “stiamo pensando a percorsi formativi per i ragazzi”.

Quest’anno “le destinazioni minori sono andate meno peggio rispetto al disastro delle grandi città”, spiega Lembo. “Queste tendenze si andranno a cristallizzare nel prossimo biennio, quindi bisogna offrire turismo esperienziale, trasparenza e tranquillità. Servono aiuti statali e regionali, non solo ammortizzatori sociali per i lavoratori, ma anche sostegno agli imprenditori, che fino ad ora non hanno avuto niente”.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi