Nuovo Dpcm: salta nuovamente la visita del premier Giuseppe Conte - Il presidente del Consiglio era atteso in Abruzzo il 23 ottobre
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Roma   Politica 19/10

Nuovo Dpcm: salta nuovamente la visita del premier Giuseppe Conte

Il presidente del Consiglio era atteso in Abruzzo il 23 ottobre

Salta nuovamente la visita del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in Abruzzo e nel Vastese. Come già accaduto a marzo, quando il lockdown fece rinviare la visita fissata per il giorno 20, il nuovo dpcm che vieta manifestazioni, convegni e congressi impedirà al premier il tour abruzzese.

A comunicarlo è il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, il senatore Gianluca Castaldi: "Sono molto dispiaciuto nel comunicare  che il viaggio del presidente Giuseppe Conte in Abruzzo, previsto per il prossimo 23 ottobre, verrà rinviato. Le modalità della visita, per come sono state pensate, non sarebbero state coerenti con le disposizioni contenute nel Dpcm del 18 ottobre in tema di manifestazioni, convegni e congressi. Il presidente Conte, consapevole di dover dare il buon esempio, mi ha comunicato la rinuncia alla visita nella nostra Regione: resto comunque fiducioso sul fatto che, non appena l'andamento della pandemia lo permetterà, individueremo una nuova data utile per ospitarlo nella nostra regione".

Il tour di Conte venerdì prossimo prevedeva la mattinata a Barisciano (Aq) con i sindaci del cratere, un evento pubblico in piazza a Lentella per il 70° anniversario dell'Eccidio, due tappe a Vasto (di cui una al porto) e un convegno su Silvio Spaventa ad Atessa.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi