Via San Michele, 130 firme per chiedere i rallentatori: "Pedoni in pericolo" - La petizione al sindaco: "Le nostre richieste non sono state ascoltate"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/10/2020

Via San Michele, 130 firme per chiedere i rallentatori: "Pedoni in pericolo"

La petizione al sindaco: "Le nostre richieste non sono state ascoltate"

Vasto, via San Michele (foto di repertorio)Installare i rallentatori in via San Michele. Lo chiedono i 130 firmatari di una petizione rivolta al sindaco di Vasto, Francesco Menna, e all'amministrazione comunale. Le auto sfrecciano a tutte le ore, perciò i residenti chiedono sicurezza.

Il problema è la pericolosità "di una strada trafficatissima” nel tratto compreso tra la chiesa di San Michele a via Cardone, nella parte alta della città, dove chiunque dovesse avventurarsi a piedi ai margini della strada “non potrebbe che desistere e tornare indietro, poiché si troverebbe ad assistere al passaggio di migliaia di automobili che ad altissima velocità entrano in città", scrivono gli autori della petizione.

I firmatari raccontano di aver sollecitato la ricerca di una soluzione rivolgendosi alla polizia locale e "a un consigliere comunale di maggioranza" che "conosce la problematica della pericolosità". Inoltre, "non esistono marciapiedi" per i pedoni che devono raggiungere via Cardone e contrada Sant'Antonio Abate, quindi "il rischio di essere travolti diventerebbe sempre più certo", anche a causa della scarsa illuminazione di un tratto in cui transitano ogni giorno non solo auto e mezzi privati, ma anche pullman urbani ed extraurbani. Per questo sono necessari "strumenti di prevenzione per garantire incolumità, sicurezza e tranqullità a tutti I residenti”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi