Decreto Rilancio e Superbonus, "La Regione metta a disposizione la propria banca" - L’appello del Movimento per la difesa delle zone interne a favore delle imprese
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Decreto Rilancio e Superbonus, "La Regione metta a disposizione la propria banca"

L’appello del Movimento per la difesa delle zone interne a favore delle imprese

Domenicangelo LitterioCon una lettera aperta al presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, all’assessore con delega alle Aree interne Guido Liris e all’assessore alle Attività produttive Mauro Febbo, il Movimento per la difesa delle zone interne torna a sollecitare la Regione Abruzzo per la tutela delle aree svantaggiate e questa volta lo fa proponendo soluzioni per l’accesso al credito delle piccole imprese dei territori interni e montani.

“Da molti decenni – si legge nella lettera aperta inviata ai vertici regionali dal coordinatore del Movimento, Domenicangelo Litterio – in tutto il territorio regionale si verifica un progressivo slittamento dalle zone interne e montuose verso quelle litoranee di tutto il patrimonio e risorse umane, economiche e culturali. Il fenomeno ha creato un grave squilibrio e la perdita di preziose connotazioni antropologiche che hanno fatto dell’Abruzzo quello per cui è più conosciuto e apprezzato nel mondo. Lungi dal risanare lo squilibrio esistente ancora oggi si attivano provvedimenti che potrebbero ulteriormente aggravarlo se non intervengono correttivi". 

Non va meglio nemmeno per quanto riguarda i benefici previsti dal Decreto Rilancio: "Abbiamo verificato che l’accesso al Superbonus passa attraverso segmenti organizzativi che prevedono vari passaggi dal richiedente agli studi tecnici al sistema bancario. La cessione del credito svolge il percorso inverso che, in definitiva, deve riscontrare la solvibilità del debito dell’impresa. Ora nelle zone interne, come si sa, gli studi tecnici sono raramente consorziati e le imprese sono di piccole dimensioni, che possono garantire anticipi minimi. In sostanza il DL, così come concepito, esclude dall’accesso al sistema bonus e superbonus di tutte le categorie attinenti interventi sulla casa".

Da qui la proposta: "Il Movimento difesa delle zone interne rappresenta la necessità di attivare meccanismi di protezione delle piccole imprese, con decisioni e provvedimenti utili a consentirne l’ingresso nel grande mercato offerto dai Bonus, anche verificando le possibilità di attivare la propria banca regionale FIRA-Agenzia per lo sviluppo. Sappiamo che la nostra Regione ha la possibilità e la capacità di coinvolgere proprie strutture per affiancare alle iniziative nazionali altre azioni di potenziamento del Decreto Rilancio con risorse da utilizzare esclusivamente nelle aree interne per sviluppare interventi specifici di miglioramento sismico degli edifici e di efficientamento energetico, coinvolgendo anche l’Osservatorio per le aree interne e l’Agenzia regionale per l’Energia".

Il coordinatore del Movimento
Domenicangelo Litterio

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi