Covid-19 alla Rsa "San Vitale" di San Salvo: 14 i positivi - La donna del focolaio di Ortopedia era ricoverata nella struttura
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Covid-19 alla Rsa "San Vitale" di San Salvo: 14 i positivi

La donna del focolaio di Ortopedia era ricoverata nella struttura

14 persone positive al Covid-19 su 107 sottoposte al test nella Rsa "San Vitale" di San Salvo. È quanto fa sapere la Asl Lanciano Vasto Chieti che ha tracciato i contatti dopo il caso dell'anziana contagiata che ha dato il via al focolaio nel reparto di Ortopedia di Vasto [LEGGI]. La donna che era stata ricoverata al "San Pio" per un trauma purtroppo è deceduta.

"Come da prassi – spiega l'azienda sanitaria – il caso è stato preso in carico dal dipartimento di Prevenzione, diretto da Giuseppe Torzi, che ha disposto l'esecuzione di tamponi per ospiti e personale della struttura. Sono risultati positivi sei operatori e otto pazienti, che non manifestano sintomi e sono stati isolati, rispettivamente nel proprio domicilio e nella stessa struttura. Intanto è stato richiesto anche un secondo tampone di controllo per tutti, al fine di accertare eventuali positività che non si erano manifestate nella prima tornata". 

Dall’indagine epidemiologica in corso è emerso che il contagio potrebbe avere origine da un contesto conviviale, motivo per il quale il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti chiede a tutti comportamenti responsabili: "In questo momento è necessario rinunciare a cene e feste – raccomanda Thomas Schael – che sempre più spesso sono all’origine dei nuovi focolai. È un piccolo sacrificio a cui siamo chiamati tutti, per evitarne altri di diversa portata". 

"Il caso di San Salvo – continua la Asl – ha riportato in primo piano il rischio di contagio nelle Rsa e in generale nelle strutture che accolgono le persone anziane, che anche nella prima fase della pandemia erano divenute focolai, almeno alcune, per via dei numerosi casi positivi che erano stati identificati al loro interno. Al fine di contenere, nei limiti del possibile, la diffusione del virus nelle strutture comunitarie e tutelare la categoria degli anziani, particolarmente vulnerabile, Schael ha intensificato il programma di sorveglianza nelle strutture residenziali per anziani, affidandone il coordinamento ad Annabella Antonucci, responsabile dell’unità operativa Valutazione appropriatezza delle prestazioni sanitarie. Sarà effettuato uno nuovo screening nelle residenze della provincia di Chieti, sottoponendo a tampone ospiti e personale, nel rispetto del programma di sorveglianza attiva intrapreso da mesi". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi