"Regolamento del verde, i 1500 cittadini non sono stati ignorati. Ma vogliamo vedere il testo" - Comitato esprime moderata soddisfazione. M5S: "Base da cui partire"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 07/10

"Regolamento del verde, i 1500 cittadini non sono stati ignorati. Ma vogliamo vedere il testo"

Comitato esprime moderata soddisfazione. M5S: "Base da cui partire"

Vasto: attivisti del Comitato per la tutela del verdeNel Comitato per la tutela del verde pubblico e privato prevale un cauto ottimismo. "Dopo 13 anni dalla prima proposta, la città del Vasto ha un Regolamento del verde urbano", commenta il portavoce del sodalizio, Gianlorenzo Molino.

Due giorni fa l'approvazione all'unanimità del documento che disciplina la cura della vegetazione dopo le polemiche dei mesi scorsi sul taglio dei pini in via Ritucci Chinni. "Non si conosce ancora il testo definitivo, che è stato modificato nel corso del Consiglio comunale che ha portato all'approvazione" all'unanimità con l'accoglimento di una serie di emendamenti delle minoranze. "La speranza - dice Molino - è che non ci siano state modifiche sostanziali. Un risultato non scontato, ma era oggettivamente difficile ignorare 1500 cittadini che chiedono qualcosa. Grazie a chi ha dato il proprio nome a questa richiesta, a chi ha prima proposto il regolamento e poi per tanti anni non se n'è dimenticato, a chi ha contribuito con sincerità al raggiungimento di questo obiettivo. Ora - conclude Molino - il regolamento diventi uno strumento di lavoro per trasformare progressivamente questa città". 

Nel mondo politico, i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Dina Carinci e Marco Gallo, esprimono soddisfazione "per l’approvazione all’unanimità", scrivono in una nota. "Il regolamento, sollecitato da tanti cittadini e dalle associazioni ambientalistiche, era atteso da tempo e, finalmente, è stata raggiunta una sintesi tra le sensibilità diverse delle forze politiche rappresentate in Consiglio comunale. Il tempo e la gestione concreta del verde evidenzieranno probabilmente la necessità di modifiche e integrazioni ma era importante avere una base da cui partire verso l’obbiettivo di azioni continue e mirate a tutela del nostro patrimonio verde. Ci auguriamo che, nei prossimi ultimi mesi di consiliatura, il Consiglio comunale, come nel caso di questo regolamento, sia orientato esclusivamente agli interessi generali dei cittadini, lasciando da parte parole e azioni degne della peggiore campagna elettorale".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi