Giovani curdi sbarcati a Bari volevano raggiungere la Francia: fermati dalla polizia in A14 - I tre intercettati a bordo di un taxi con cui volevano recarsi a Milano
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 03/10

Giovani curdi sbarcati a Bari volevano raggiungere la Francia: fermati dalla polizia in A14

I tre intercettati a bordo di un taxi con cui volevano recarsi a Milano

Tre uomini di origine turca di etnia curda sono arrivati all'alba di ieri, venerdì 2 ottobre, sul territorio italiano a bordo di un barcone che li ha lasciati sulle coste del lungomare barese. È quanto si apprende da una nota del Comando provinciale di Polizia Stradale

Le persone a bordo erano circa una cinquantina: 35 sono state intercettate dalle forze dell'ordine nell'immediatezza dello sbarco e accompagnate all'ufficio immigrazione della Questura di Bari, mentre le altre sono riusciti ad allontanarsi verso destinazioni sconosciute. La segnalazione della Polfer di Bari ha permesso l'individuazione di un taxi sul quale erano saliti tre dei clandestini fuggiti. La loro intenzione era quella di raggiungere Milano in taxi e da lì prendere un treno per recarsi in Francia.

Il taxi è stato intercettato nel territorio di Lanciano intorno alle 12.00 mentre percorreva l'autostrada A14, grazie al lavoro di una pattuglia della sottosezione di Polizia Stradale di Vasto, allertata dal centro operativo autostradale di Pescara. I tre clandestini sono stati accompagnati all'ospedale di Lanciano dove sono stati sottoposti a tamponi Covid che hanno dato esito negativo. I tre giovani, dichiaratisi di etnia curda, non hanno precedenti sul territorio nazionale e nella mattinata di ieri sono stati posti a disposizione dell'ufficio immigrazione della Questura di Chieti che darà corso alle attività di competenza.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi