Canada, Elena Iacono raccoglie in un libro "solidale" le ricette vastesi della nonna - Raccolta fondi in memoria di nonna Maria, morta lo scorso aprile
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Personaggi 30/09

Canada, Elena Iacono raccoglie in un libro "solidale" le ricette vastesi della nonna

Raccolta fondi in memoria di nonna Maria, morta lo scorso aprile

Elena Iacono, 38enne canadese, è nipote di due emigranti vastesi. Nonna Maria Dicembre e nonno Giovanni Canci partirono da Vasto, "precisamente da San Lorenzo", dice lei con orgoglio, per andare alla ricerca di una vita migliore oltreoceano. La morte della nonna, lo scorso aprile, e l'impossibilità di celebrare il funerale per le limitazioni imposte dall'emergenza Covid, hanno dato la spinta per Elena per raccogliere in un libro tutte le ricette della cucina vastese tramandate dalla "Nonna Ma" e farle divenire un'azione solidale per chi, in questo complicato momento storico, è in difficoltà. 

Come si è sviluppata la storia dei tuoi nonni da Vasto al Canada?
Nel febbraio 1956 nonna Maria salpò da Vasto, in Italia, determinata a farsi un futuro da sola, arrivando a Ellis Island, New York. Aveva 21 anni ed era raro, all'epoca, per una giovane donna viaggiare da sola. La cosa sorprendente è che mia nonna ha lasciato l'Italia per prima e non è che questo fosse molto comune. Mio nonno, infatti, in realtà, doveva andare in Australia, ma era innamorato di lei. Si amavano davvero. E così, visto che lei era già in Canada, ha cambiato tutti i suoi documenti ed è andato in Canada in modo che potessero iniziare la loro vita insieme. Se non ricordo male credo che si siano sposati per procura, davvero incredibile. Da New York nonna Maria si diresse a nord, verso Ottawa, la capitale del Canada, e ha deciso di fare diventare questa la sua nuova casa. Mio nonno in seguito si unì a lei e la loro famiglia iniziò a crescere.

I nonni di Elena IaconoCome ti hanno trasmesso le tue origini italiane?
La mia cultura e il mio patrimonio italiano sono molto importanti per me. Sono canadese, nata e cresciuta qui. Ma è molto importante che mantenga la mia cultura di origine: ascolto musica italiana ogni giorno (amo Jovanotti, Tommaso Paradiso, Coez, Bianca Atzei, The Giornalisti), amo leggere libri italiani, amo guardare film e programmi italiani. È importante rendere omaggio alle mie radici. I miei nonni (sia i genitori di mia madre che i genitori di mio padre Salvatore, che venivano dalla Sicilia) si sono sacrificati così tanto per venire in Canada quindi cerco di onorare la loro eredità ogni giorno. I miei nonni amavano così tanto Vasto, è così bella. Quello che era così importante per entrambi, mia nonna Maria e nonno Giovanni, era che sapessi da dove venivano e che conoscessi la nostra famiglia che era ancora lì. Mi sento così fortunata ad avere una relazione con i miei parenti a Vasto e cerco di vederli il più possibile.

Inoltre, mia madre mi ha detto che la famiglia Dicembre era conosciuta come "anima d'oro" e la famiglia Canci era conosciuta come "carnivale", visto che in passato le famiglie erano chiamate soprannomi. Piuttosto interessante perché i nomi stanno bene. Mia nonna Maria aveva davvero un'anima d'oro, aveva così tanto coraggio, coraggio e gentilezza. E mio nonno Giovanni era sempre così gioviale, felice e sorridente. Questi valori sono stati instillati in me e cerco di mantenere l'onore dei miei nonni.

Quando sei venuta la prima volta a Vasto? Che ricordi hai?
La prima volta avevo 9 anni. I miei genitori c'erano già stati diverse volte, erano venuti addirittura a Vasto in luna di miele. Ricordo di essere venuta a Vasto durante le mie vacanze estive ed è stato molto divertente passare del tempo con i miei cugini, Grazia, Stefania, Anna, Katia e tutti i ragazzi. I miei zii, Nicoletta e Sebastiano Piscicelli, mi hanno sorpreso con una torta di compleanno. È stato molto speciale trascorrere del tempo con i parenti di mio nonno, sua sorella Grazia è l'unica rimasta a Vasto, tutti gli altri sono venuti in Canada. E anche la famiglia di nonna Maria è tutta in Canada. 

Elena e suo marito Salvatore a VastoCosa rappresentano per te l'Italia e Vasto?
L'Italia per me è tutta una questione di "vita", una bella vita. Non sorprende che il Rinascimento sia nato a Firenze. Tanta bellezza, tanta speranza. I paesaggi in Italia sono semplicemente incredibili. Il mio posto preferito da visitare è la Sardegna, un giorno io e mio marito Salvatore D'Angelo (anche lui con origini italiane) vorremmo avere una casa sul mare in Sardegna. L'Italia rappresenta tutto ciò che è bello in questo mondo. Anche per me Vasto è molto speciale. Rappresenta il coraggio, il coraggio, la speranza, la vita, la bellezza. Mia nonna aveva solo 21 anni quando salpò per il Canada, non riesco a immaginare quanto sia stato difficile per lei lasciare Vasto alle spalle. Quando vengo a Vasto e mi trovo in cima alla vista panoramica, guardo il mare e la terra e penso... wow! Mia nonna ha lasciato questo per un futuro che la stava aspettando. Quindi Vasto è molto speciale perché, nel vero senso della parola, è casa mia.

L'omaggio a nonna MariaCosa ti ha dato la spinta per raccogliere le ricette di tua nonna e farle diventare un libro?
Mia nonna Maria è morta ad aprile, durante la pandemia, e siamo stati privati ​​della possibilità di offrirle un funerale adeguato. Abbiamo tenuto un incontro con misure di sicurezza in atto ma solo poche persone sono venute a causa della paura e della preoccupazione. Quindi mi ha davvero infastidito il fatto che la morte di mia nonna non sia stata celebrata come meritava. Lei è il motivo per cui la famiglia è in Canada. Ero rattristata. Così ho iniziato a cucinare tutte le sue ricette come un modo per superare il dolore e la perdita. Ero molto legata alla mia nonna Maria e nonno Giovanni, non potevo credere che quel capitolo della mia vita fosse chiuso. A luglio ho avuto questa idea, perchè la pandemia sta costringendo così tanti canadesi a soffrire la fame. Food Banks Canada è un'importante organizzazione che sostiene la sicurezza alimentare: ha lanciato l'apello per raccoglie 150 milioni di dollari per combattere l'insicurezza alimentare. Ho deciso di scrivere un libro e di dare tutto il ricavato a Food Banks Canada in memoria di mia nonna. Amava moltissimo il Canada, penso che sarebbe orgogliosa di sapere che stiamo aiutando così tante persone.

Che emozioni provi nel cucinare come lei ti ha insegnato?
Ho un senso di felicità, di gioia nel preparare cibo delizioso e, ad essere onesta, cucinare aiuta davvero la mia salute mentale. Sono molto impegnata al lavoro ogni giorno (lavoro per TELUS, la principale azienda canadese di telecomunicazioni). Amo quello che faccio e cucinare è una forma di relax per me. Mi piace anche fare jogging, leggere, curare i fiori... oltre a fare le vacanze al mare. Ma non possiamo viaggiare quest'anno, quindi ho cucinato pasti fantastici e a mio marito Sal sembra non dispiacere affatto!

Una delle ricette del libroI canadesi che conosci apprezzano la cucina vastese?
Ci sono quasi 2 milioni di canadesi che sono immigrati italiani o che hanno origini italiane nella loro famiglia. Detto questo, le Regioni in Italia sono davvero tante. Vasto è sicuramente molto conosciuta: ogni volta che dico alla gente che la famiglia di mia madre è di Vasto, la gente dice di aver sentito grandi cose. Vasto ha una reputazione incredibile perché è così bella. Le spiagge sono stupende. Quindi, anche se non sono sicura che le persone conoscano la cucina vastese, conoscono Vasto. Ma il mio nuovo libro punta i riflettori sul cibo vastese e non vedo l'ora che la gente lo legga!

Quali sono i piatti della nostra tradizione che vengono più amati?
Semplicemente, il brodetto alla Vastese (il cui nome è diventato col tempo, in Canada, zuppetta Vastese, ndr). È il mio preferito in assoluto. Il problema è che le panocchie non sono disponibili in Canada. Fammi sapere se conosci qualcuno che può importarlo per me! Scherzo, ma davvero, ogni volta che vengo a Vasto, mia zia Nicoletta Piscicelli e Zio Sebastiano lo preparano sempre per me con una gran quantità di panocchie! E zio Sebastiano ha anche le migliori pesche che si possano trovare. Mio marito ed io le adoriamo.

Come si può acquistare il libro?
Molto semplicemente, visitando il mio sito www.elenaiacono.com e facendo una donazione. Qualsiasi importo sarà incredibilmente apprezzato. 

A chi saranno destinati i soldi delle vendite?
Il ricavato aiuterà i canadesi bisognosi ad avere accesso a cibo nutriente e sano. Oltre 4 milioni di canadesi vivono in una famiglia con insicurezza alimentare e, a causa della pandemia, più del 40% dei canadesi non è in grado di mangiare. Il Canada è una nazione del primo mondo: è scioccante e inaccettabile che ciò stia accadendo. E ciò che colpisce è che non sono solo le persone disoccupate a fare affidamento su Food Banks Canada. Una persona su otto che visita un banco alimentare è impiegata. La pandemia sta creando troppa incertezza e tensione sulla salute finanziaria. Alla fine, le persone stanno vivendo uno stress significativo per la salute mentale a causa della mancanza di soldi per mangiare. Gli impatti sulla salute sono profondi. Quindi ogni singolo dollaro che raccolgo aiuterà a nutrire i canadesi. Un dollaro equivale a 4 pasti.

Dei piatti della nonna, che hai raccolto nel libro, quale ami di più?
È così difficile, li amo tutti. Ma penso che i miei piatti preferiti in assoluto siano stati i suoi ravioli, la sua aragosta al pomodoro e, naturalmente, la sua cicerchiata. È il mio dolce preferito. Mi manca tutto così tanto, potrei letteralmente mangiare tutto. Dopo la sua morte in aprile, ho preparato i ravioli per la prima volta e avevano il sapore dei suoi. È stato meraviglioso. Mia madre Marisa mi ha donato la macchina per la pasta della nonna, anche il suo tagliaravioli. È davvero speciale che io possa cucinare con i suoi attezzi, è qualcosa di meraviglioso

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi