La Fp Cgil: "Sì all’ospedale Lanciano-Vasto, solo così avremo le specialistiche importanti" - Il sindacato analizza il bacino d’utenza
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 25/09

La Fp Cgil: "Sì all’ospedale Lanciano-Vasto, solo così avremo le specialistiche importanti"

Il sindacato analizza il bacino d’utenza

Il progetto preliminare del nuovo ospedaleNon un nuovo ospedale a Pozzitello, sì a un presidio unico con Lanciano con tutti i servizi. È questa la posizione della Fp-Cgil Chieti sull'argomento del momento. Nelle ultime settimane, la maggior parte dei vari esponenti politici e istituzionali del territorio si sono espressi per il mantenimento delle intenzioni di 20 anni fa. Ieri, anche i due ex sindaci Luciano Lapenna e Giuseppe Tagliente hanno sottolineato l'esigenza di partire dal progetto preliminare già esistente per arrivare a quello esecutivo [LEGGI].

Nella propria analisi il sindacato evidenzia i numeri del bacino d'utenza:
"In questi giorni si è nuovamente aperto un dibattito sul tema della costruzione dell’ospedale di Vasto e la sua localizzazione. Si discute di posti letto, unità operative o di eventuali accordi con Termoli. 

Nessuno parla di che tipo di ospedale si vuole. La Fp Cgil, che ha sempre avuto una posizione chiara sulla questione della nuova rete ospedaliera, ribadisce che al centro della discussione bisogna mettere il decreto 70 del 2015, che definisce gli standard qualitativi, strutturali e tecnologici, relativi all’assistenza ospedalie-ra. Il decreto prevede una classificazione degli ospedali e dei DEA (dipartimento Emergenza e Accettazione) legandoli al relativo bacino di utenza. Bisogna confrontarsi sulla localizzazione dell’ospedale , non con logiche campanilistiche, ma tenendo conto che il nosocomio serve un intero territorio e non una singola città. Il rischio concreto (se si continuasse sul campanilismo) e che forse, dopo 21 anni che se ne parla, si riuscirà a costruire un ospedale a Vasto, ma sarà un ospedale di base, senza nessuna specialistica importante. Stesso discorso riguarda Lanciano. I conti sono facili da farsi. Un ospedale di I° livello deve avere un bacino d’utenza tra 150.000 e 300.000 abitanti; un ospedale di base ha bisogno di un bacino d’utenza tra 80.000 e 150.000 abitanti. Tutto il Vastese non va oltre i 105.000 abitanti; il Lancianese ne conta circa 115.000. Se è questo quello che si vuole si faccia pure ma sicuramente non porterebbe nessun beneficio in termini di miglioramenti qualitativi e quantitativi per l’assistenza ai cittadini. 

La Cgil Fp ritiene che ci sia bisogno di una operazione verità e che la Asl faccia un piano per costruire un ospedale di I° livello a servizio dei territori di Vasto e Lanciano con le specialistiche e posti letto previsti dal decreto Lorenzin. Per la localizzazione i Sindaci dei territori interessati sicuramente sapranno trovare il po-sto migliore dal punto di vista logistico, che possa soddisfare tutti. 

Anche Chieti deve mettere da parte il campanilismo (sempre tenendo conto del decreto Lorenzin) e farsi protagonista di un’azione che coinvolga Pescara per realizzare insieme un ospedale di II° livello che ha bisogno di un bacino tra 600.000 e 1.200.000 abitanti. L’ospedale di II° livello è l’unico che può contenere le specialistiche di elevata complessità come la cardiochirurgia e la neurochirurgia. Senza un accordo tra Chieti e Pescara probabilmente sarà la regione Abruzzo a non avere un ospedale di II° livello, condannando la popolazione abruzzese a un ulteriore incremento della già alta mobilità passiva". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi