L’omaggio al vastese Antonio Bosco nel 150° della Breccia di Porta Pia - Una corona d’alloro in memoria del soldato morto a seguito delle ferite ad una gamba
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 20/09

L’omaggio al vastese Antonio Bosco nel 150° della Breccia di Porta Pia

Una corona d’alloro in memoria del soldato morto a seguito delle ferite ad una gamba

L'Amministrazione comunale e le Associazioni combattentistiche e d'Arma di Vasto hanno ricordato questa mattina, alle 10:10 precise, i 150 anni dalla breccia di Porta Pia.

Una corona di alloro è stata deposta dal vicesindaco Giuseppe Forte e dal tenente a riposo dei bersaglieri Edoardo Tereo alla lapide posta nei pressi della sede dell'Associazione marinai d'Italia che ricorda il vastese Antonio Bosco, bersagliere del 39esimo Reggimento di Fanteria, che perse la vita nella presa di Porta Pia.

Forte ha ricordato l'importanza di ricordare eventi che hanno segnato la storia dell'Italia mentre il generale di divisione dei carabinieri a riposo, Gianfranco Rastelli, ha evidenziato il sacrificio di tanti militari italiani che hanno perso la vita nello storico episodio risorgimentale con la conquista di Roma.

A ricordare la figura di Antonio Bosco è lo storico Lino Spadaccini, in un articolo pubblicato sul blog NoiVastesi. "Nato a Vasto il 3 febbraio 1843 da Pietro e Maria Nicola Gileno, svolse da giovane l’attività di muratore non seguendo le orme dei genitori panettieri.  Sposato con Elisabetta Spadano, ebbe un figlio, Luigi, che morì dopo pochi mesi di vita. Animato da spirito liberale, venne arruolato nel 39° reggimento fanteria, al comando del colonnello Belly. Durante gli scontri a Porta Pia rimediò una ferita alla gamba destra. Ricoverato presso l’Ospedale di S. Giovanni in Laterano, morì cinque mesi più tardi, il 3 aprile 1871.

Il suo nome è scolpito sulla lapide ai caduti, murata dove venne aperta la breccia e, precisamente, fra la quarta e la quinta torre esistente da Porta Salara a Porta Pia. A Vasto, il 4 luglio del 1902 venne scoperta una lapide (ancora oggi visibile sul lato nord di Palazzo d’Avalos) in onore dei patrioti vastesi Giuseppe Ricci, Antonio Bosco e Gaetano Marchesani".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi