Mascherine e termoscanner: al "Mattei" il rientro a scuola è ordinato - "Le classi prime sono state convocate in anticipo per familiarizzare con l’istituto"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 18/09

Mascherine e termoscanner: al "Mattei" il rientro a scuola è ordinato

"Le classi prime sono state convocate in anticipo per familiarizzare con l’istituto"

Vasto, Iis Mattei: ieri mattina l'inizio della scuola per gli studenti delle classi primeGrande emozione giovedì 17 settembre all’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Mattei” di Vasto per l’accoglienza delle classi prime, convocate a scuola con alcuni giorni di anticipo sul calendario regionale, che ha fissato la riapertura degli istituti scolastici al 24 settembre, per consentire ai più giovani degli studenti del “Mattei” di cominciare a familiarizzare con la loro nuova scuola, i suoi docenti, i suoi spazi, le sue attività didattiche, i suoi laboratori, i nuovi compagni e le nuove regole imposte dall’emergenza Coronavirus.

Visibilmente emozionati i ragazzi (ma anche i docenti!), che hanno fatto ritorno in una scuola dallo scorso 4 marzo, quando la loro routine quotidiana è stata stravolta da un piccolo nemico invisibile, che li ha costretti a mesi di reclusione forzata in casa.

Gli studenti, accolti dal dirigente scolastico Nino Fuiano, dai loro nuovi insegnanti e dall’assessore comunale all’istruzione Anna Bosco, che ha voluto portare il suo personale saluto ai ragazzi, si sono messi ordinatamente in fila per entrare nell’istituto scolastico di via San Rocco, indossando diligentemente le loro mascherine protettive e lasciandosi misurare la temperatura corporea dal personale preposto all’ingresso della scuola.

L’arrivo della quarantena nel bel mezzo dell’anno scolastico 2019/2020 è stato sicuramente un duro colpo per gli studenti, le loro famiglie e il personale scolastico, costretti a giornate di reclusione forzata scandite dalla didattica a distanza, ma anche da tanta incertezza e paura.

La speranza è ora quella di guardare al nuovo anno scolastico con una nota di fiducia e ottimismo, certi del fatto che tutti insieme, ragazzi, genitori, docenti e personale tutto della scuola, rispettando le regole e sentendoci parte attiva della società, possiamo vincere la battaglia contro il Covid 19.

Paola Cerella

Guarda le foto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi