Centorami: "Lavori al Tribunale, nei bagni per disabili restano le barriere architettoniche" - Il presidente dell’associazione "Vasto libera" ha scritto al Comune e alla Asl
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 14/09

Centorami: "Lavori al Tribunale, nei bagni per disabili restano le barriere architettoniche"

Il presidente dell’associazione "Vasto libera" ha scritto al Comune e alla Asl

Carlo Centorami (Vasto libera)I recenti lavori al palazzo di giustizia di Vasto non hanno eliminato le barriere architettoniche nei servizi igienici.

Lo afferma Carlo Centorami, presidente del'associazione Vasto Libera, che ha scritto al Comune di Vasto e allo Iesp, il Servizio di igiene, epidemiologia e sanità pubblica della Asl, "in merito alle barriere architettoniche dell'edificio comunale sito del Tribunale di Vasto, in particolare ai servizi igienici per i diversamente abili" e sottolinea di aver già segnalato il problema "al sindaco di Vasto, Francesco Menna, all'assessora alle Politiche sociali, Lina Marchesani, e al dirigente comunale al ramo", ma alla segnalazione "non è stato dato seguito alcuno".

Centorami ricorda "che recentemente sono stati effettuati importanti lavori di manutenzione allo stabile, appare evidente che non sono stati adeguati alla norma tutti gli ambienti".

Nel documento, il referente di Vasto libera chiede "se lo stabile risponde a tutti i requisiti di legge in merito a barriere architettoniche, agibilità e antincendio, ivi comprese le relative indicazioni di percorso" e si rivolge alle autorità competenti al fine "di verificare anche la situazione dei bagni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi