Riserva, agricoltori e operatori turistici: noi esclusi dalle decisioni. Menna: "Vi coinvolgeremo" - Confronto tra i privati e l’amministrazione comunale: "A ottobre il nuovo Pan"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 11/09

Riserva, agricoltori e operatori turistici: noi esclusi dalle decisioni. Menna: "Vi coinvolgeremo"

Confronto tra i privati e l’amministrazione comunale: "A ottobre il nuovo Pan"

Vasto, Aula Vennitti: i 9 rappresentanti dell'associazione Terre di Punta Aderci all'incontro con l'amministrazione comunaleI proprietari di terreni e strutture turistiche vogliono dire la loro sul futuro della Riserva di Punta Aderci. Chiedono di avere un rappresentante nel comitato di gestione. La risposta dell’amministrazione: il comitato si riunisce poco e si occupa di questioni tecniche, meglio istituire tavoli tematici. Ieri si è concluso così il confronto tra l’associazione Terre di Punta Aderci e l’amministrazione, rappresentata dal sindaco di Vasto, Francesco Menna, dalle assessore all'Ambiente e all’Agricoltura, Paola Cianci e Anna Bosco, e dall’avvocato Alfonso Mercogliano.

 “Le regole prescrittive sono solo a carico nostro e non di chi viene da fuori”, ha sottolineato Michele Bosco, presidente del sodalizio.

“Vogliamo che la Riserva cresca e che crescano i servizi”, ha detto l’avvocato Anna Roselli.

“È una costa bellissima, ma di difficile accesso ai turisti per la mancanza di segnaletica”, ha fatto notare Roberta Presenza dell’Associazione nazionale B&B e affittacamere. “La spiaggia di Mottagrossa quest’anno è il fulcro della Riserva, ma vanno migliorati gli accessi: lì ci sono due case e gli abitanti devono sopportare polvere e bisogni umani dietro i cespugli”, oltre alle discariche abusive.

“È ora – sostiene Nicola Giarrocco – che questa associazione partecipi alla gestione della Riserva, che è per un terzo demaniale e per due terzi di proprietà privata”.

Chiesta anche l’istituzione di un marchio di qualità per i prodotti di Punta Aderci.

Si farà la revisione del Piano di assetto naturalistico (Pan), “che vi vedrà coinvolti come tutti i portatori di interessi”, ha assicurato Paola Cianci, che ha promesso anche “una nuova cartellonistica”. Riguardo al problema rifiuti, “di qui a un mese – ha annunciato Menna – si apre l’isola ecologica e le discariche dovrebbero diminuire”.

L’appuntamento col nuovo Pan è per ottobre. Con la promessa di coinvolgere tutti. Sarebbe la prima volta.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi