Vasto, due strade da intitolare a Montanelli e Biagi: sì unanime in Consiglio comunale - Raggiunta l’intesa tra maggioranza e opposizione sulla proposta di D’Alessandro
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 09/09

Vasto, due strade da intitolare a Montanelli e Biagi: sì unanime in Consiglio comunale

Raggiunta l’intesa tra maggioranza e opposizione sulla proposta di D’Alessandro

Davide D'Alessandro (Lega)Due strade di Vasto saranno intitolate a Indro Montanelli e a Enzo Biagi.

Lo ha deciso stamattina all'unanimità il Consiglio comunale. Accolta la mozione presentata da Davide D'Alessandro a nome del gruppo consiliare della Lega, composto da lui e da Alessandra Cappa.

La proposta iniziale prevedeva l'intitolazione di una strada a Indro Montanelli. Stamani D'Alessandro ha presentato un emendamento, firmato anche da Cappa, per aggiungere anche una seconda intestazione, quest'ultima in memoria di Enzo Biagi.

Nel corso del dibattito, è emerso l'auspicio di poter intitolare anche altri luoghi della città a personalità di elevato spessore. Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro) ha auspicato "un quartiere dedicato alla stampa".

L'ex sindaco e attuale consigliere comunale del Pd, Luciano Lapenna, ha ricordato che, dalla toponomastica "non ho eliminato quelle strade che inneggiavano a momenti coloniali che rappresentavano pagine brutte della storia" e ha lanciato un'ulteriore proposta: intitolare strade e piazze "non solo a Montanelli e Biagi, ma anche ad altri grandi, grandissimi uomini che hanno dato la dignità a questo Paese".

D'Alessandro ha apprezzato l'intesa raggiunta: "Esprimo soddisfazione per le cose che ho sentito", ha commentato l'esponente del Carroccio. "Vorrei anche sottolineare l'intervento alto del consigliere Lapenna, che ha dimostrato senso delle istituzioni, ma anche una capacità di lettura non comune della storia di questo Paese. Per quanto riguarda, per esempio, Giorgio Bocca, abbiamo sfiorato la citazione e poi l'abbiamo evitata solo per un motivo: perché lui è morto il 25 dicembre del 2011 e, siccome si fa riferimento da qualche parte al fatto che debbano passare almeno dieci anni per l'intitolazione di una via, allora ci siamo fermati a Montanelli e Biagi". D'Alessandro ha fatto notare "una certa assenza della destra liberale alla quale ha fatto riferimento Montanelli; la speranza è che nella destra di questo Paese si possano inettare ampie dosi di destra liberare", perché destra e sinistra "non devono essere muscolari". Una soddisfazione ribadita anche in un comunicato stampa diramato da D'Alessandro e Cappa dopo l'approvazione della mozione "che mirava a intitolare una strada a Indro Montanelli e a Enzo Biagi". 

Il documento - Ecco il testo della mozione: "Premesso che a luglio 2021 sono stati ricordati i venti anni dalla scomparsa di Indro Montanelli, principe del giornalismo italiano, inviato di rango del 'Corriere della Sera', Fondatore de 'il Giornale Nuovo' e 'La Voce', autore di una straordinaria e indimenticata 'Storia d’Italia' e di tanti altri volumi, insignito nel 2000 negli Stati Uniti dell'International Press Institute World Press Freedom Heroes, unico italiano tra 50 personalità scelte tra i più grandi giornalisti del Novecento per aver difeso e salvato la libertà di stampa nella seconda metà del secolo, gambizzato dalle Brigate Rosse, alfiere della libertà;

Precisato che il 9 agosto scorso sono stati ricordati i cento anni dalla nascita di Enzo Biagi, scomparso tredici anni fa, altro principe del giornalismo italiano, scrittore e conduttore televisivo di rango;
Rilevato che la Storia, con le sue pagine dolci e amare, va sempre studiata a fondo e rispettata, esaltando le figure che hanno dato lustro alla Patria ed evitando discutibili e inutili rimozioni;
Considerato che la nostra Città ha bisogno di dare un segnale forte di riconoscimento onorando chi non si è mai piegato di fronte a qualsiasi tipo di potere;
Impegnano
l’Amministrazione ad avviare, insieme all’ ”Associazione Vastese della Stampa 1957”, una profonda riflessione su due delle personalità più fulgide del secolo scorso, per giungere, prima della conclusione dell’attuale Legislatura, prevista per maggio 2021, all’intitolazione di una Via della Città del Vasto a Indro Montanelli e a Enzo Biagi".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi