Diga di Chiauci, Modesti risponde alle accuse di Cia: "Arrivano da chi conosce situazione dell’ente" - La nota stampa di Michele Modesti, commissario del Consorzio di Bonifica Sud
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 03/09

Diga di Chiauci, Modesti risponde alle accuse di Cia: "Arrivano da chi conosce situazione dell’ente"

La nota stampa di Michele Modesti, commissario del Consorzio di Bonifica Sud

Continua il dibattito sull'emergenza idrica e sulla scarsità d'acqua nella diga di Chiauci. Dopo l'allarme lanciato ieri dalla CIA Chieti Pescara [LEGGI], arriva la risposta di Michele Modesti, commissario straordinario del Consorzio di Bonifica Sud.

"Desta stupore e rammarico - scrive Modesti in un comunicato stampa - leggere la nota stampa del presidente provinciale Cia Chieti-Pescara, inviata proprio nella stessa giornata in cui il prefetto di Chieti, Armando Forgione, sollecitato a proposito dai sindaci dei Comuni di Vasto e San Salvo, ha tenuto un apposito incontro al fine di coordinare l'intervento degli enti preposti in modo da superare l'emergenza idrica nel territorio vastese. Desta ancora più clamore la circostanza che le accuse rivolte nei confronti del Consorzio di Bonifica Sud provengono da chi, in veste di membro della consulta consortile, dovrebbe conoscere la situazione economica, finanziaria e gestionale dell'Ente nonché nello specifico la situazione degli interventi in itinere presso l'invaso di Chiauci".

"Il Consorzio – dichiara – in qualità di gestore dell'invaso di Chiauci, ha rimarcato con fermezza che la funzione precipua di quest'ultimo è quella di garantire il pubblico servizio irriguo e che questo è l'impegno principale a cui si deve adempiere senza però negare, in caso di emergenza, il supporto al sistema di potabilizzazione destinato al consumo umano in adempimento a quanto prescritto dal Testo Unico delle Acque. Nel citato Testo infatti la priorità fra gli usi è data al consumo umano. Fra gli altri usi, ai fini della regolazione delle derivazioni in atto nei periodi di siccità o di scarsità della risorsa idrica, il comma 1 dell'art. 167 del D.lgs 152/2006 stabilisce che la seconda priorità, dopo quella per il consumo umano, risulta essere l'uso agricolo delle acque".

"In questo senso si è operato attuando tutte le azioni di propria competenza – prosegue il commissario – Sulla base dei bollettini giornalieri delle osservazioni e delle misure risulta che il Consorzio, invasando il massimo quantitativo idrico finora autorizzato, ha gestito il rilascio idrico della diga secondo criteri di efficienza, efficacia e razionalità in modo da garantire il recapito delle portate occorrenti nei punti di consegna a valle fino ad esaurimento degli accumuli presenti nell'invaso. In ogni modo questo Consorzio si impegnerà a garantire il soddisfacimento delle richieste idriche in funzione delle reali disponibilità che il fiume Trigno riuscirà a fornire in regime fluente".

In merito alla quesione dell'invaso di Chiauci, Modesti ribadisce che "a seguito dell'imponente intervento di revamping delle paratoie dello scarico di fondo della diga, l'invaso ha accumulato e rilasciato la riserva necessaria per garantire il fabbisogno idrico per le attività agricole del territorio e per gli usi civici e industriali. Oltre agli interventi sulle paratoie, sono stati conclusi e collaudati i lavori riferiti ad alcune delle prescrizioni imposte dall'Ufficio per le Dighe del MIT, quelli sull'ammasso roccioso, la strada circumlacuale e sono in corso di implementazione gli studi integrativi per la rivalutazione sismica della diga unitamente all'aggiornamento degli studi sulla propagazione dell'onda di piena nonché l'intervento di ripulitura dell'invaso dalla vegetazione esistente e l'intervento di ripristino di impermeabilizzazione dei placcaggi di sponda dell'invaso".

"Per ovvie ragioni tecniche – afferma – solo il completamento di questi ultimi due interventi consentirà al Consorzio di richiedere il superamento della quota attualmente autorizzata e il raggiungimento del secondo step così come approvato dall'Ufficio Tecnico per le Dighe e dalla Commissione di collaudo che periodicamente svolgono le visite di vigilanza previste per legge. Si sta procedendo, quindi, secondo cronoprogramma e monitorando attentamente il comportamento dello sbarramento, allo svolgimento dell'iter degli invasi sperimentali per condurre la diga al collaudo tecnico funzionale e, dunque, al regime di regolare esercizio e massimo invaso".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi