Migranti in Abruzzo, continua la polemica. Bocchino: "Prefetti chiariscano metodo di ripartizione" - "Evitare il caos, abbiamo l’obbligo di tutelare comunità e territori"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 01/09

Migranti in Abruzzo, continua la polemica. Bocchino: "Prefetti chiariscano metodo di ripartizione"

"Evitare il caos, abbiamo l’obbligo di tutelare comunità e territori"

Sabrina BocchinoContinua la querelle politica sull'arrivo dei 55 migranti assegnati dal Viminale ai centri di accoglienza di Vasto e di Paterno.

Questa volta è la vastese Sabrina Bocchino, consigliere regionale della Lega, a dire la sua rivolgendosi ai Prefetti competenti per Provincia ai quali chiede di "chiarire il metodo delle ripartizioni dei migranti che, in questi giorni, stanno sbarcando sulle coste dell'Italia meridionale".

"Ne abbiamo abbastanza delle ingerenze romane e della politica scellerata in materia di immigrazione adottata dal premier Conte e dal ministro Lamorgese – dichiara la Bocchino -. Il gruppo consiliare Lega Salvini Premier della Regione Abruzzo vuole vederci chiaro sui criteri distributivi adottati".

"Noi abbiamo l'obbligo di tutelare i nostri territori e le nostre comunità – prosegue - non vorremmo mai che gli 'incontrollati' sbarchi possano generare nuove emergenze e criticità tali da trasferire altri clandestini, casomai anche positivi al Covid-19, nelle nostre province".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi