"Vasto non si arrende", dopo l’incendio il Comune attiva raccolta fondi per Punta Penna - Il sindaco: "Tante le iniziative a favore della "Pennuccia" promosse dai cittadini"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 01/09

"Vasto non si arrende", dopo l’incendio il Comune attiva raccolta fondi per Punta Penna

Il sindaco: "Tante le iniziative a favore della "Pennuccia" promosse dai cittadini"

L'incendio che nei giorni scorsi ha devastato la spiaggia di Punta Penna, ha lasciato una traccia indelebile nel cuore dei vastesi e di quanti nel corso degli anni hanno visitato la meravigliosa località.

Tanta tristezza e rabbia, ma soprattutto tanta voglia di riportare Punta Penna all'antico splendore. La pensa così anche l'Amministrazione Comunale che ha attivato la raccolta fondi "Help Punta Penna".

"Vasto non si arrende e dopo il grande incendio che ha distrutto la spiaggia di Punta Penna tanti cittadini - spiega il sindaco Francesco Menna - si stanno già attivando per promuovere piattaforme di raccolta fondi da destinare alla Riserva, segnale di vicinanza dei vastesi a quella che molti chiamano affettuosamente La Pennuccia. Per questo motivo il Comune di Vasto mette a disposizione il codice Iban: IT64S0311177911000000000566 per destinare le somme raccolte agli interventi di ripristino ambientale e strutturale della Riserva".

"Ringrazio sin da ora – afferma il sindaco - quanti si sono mobilitati per far sentire all'Amministrazione Comunale e alla gestione della Riserva di Punta Aderci la propria vicinanza. I danni provocati dal rogo sono ingenti, nonostante il tempestivo intervento di Vigili del fuoco, Protezione Civile e di tanti cittadini che hanno dato il proprio aiuto per salvare una delle spiagge più belle d'Italia. Nei prossimi giorni sarà possibile comunicare una stima precisa dei danni rilevati".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi