Acqua, ancora due giorni a secco a Vasto e San Salvo Marina, residenti chiedono autobotti - Confermato il disservizio nelle giornate di oggi e domani
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 29/08

Acqua, ancora due giorni a secco a Vasto e San Salvo Marina, residenti chiedono autobotti

Confermato il disservizio nelle giornate di oggi e domani

Confermato il disservizio idrico per le giornate di oggi e domani a San Salvo Marina e Vasto Marina. Ieri, nuove chiusure erano nel campo delle ipotesi. La situazione è rimasta immutata e, quindi, nelle due località che pullulano ancora di turisti i rubinetti resteranno a secco dalle 14 alle 7 del giorno successivo con la speranza che da lunedì prossimo (31 agosto) la situazione torni alla normalità.

Immancabili quindi i disagi soprattutto per coloro che non sono dotati di cisterne per immagazzinare l'acqua. La grave emergenza idrica si somma a quella sanitaria: da un lato gli appelli a una maggiore igiene con frequente lavaggio delle mani e sanificazioni, dall'altro i rubinetti a secco. 
A San Salvo Marina alcuni residenti esasperati chiedono l'invio di autobotti per far fronte alla difficile situazione.

L'assenza di acqua nelle marine di Vasto e San Salvo è dovuta al livello idrico sceso in modo preoccupante all'interno della diga di Chiauci. A causa delle difficoltà di questo periodo, la Sasi ha chiesto il riconoscimento dello stato di calamità [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi