Quartiere San Paolo, un lato della piazza è diventato una discarica e scoppia la protesta - Residenti indignati per il fetore esalato da un immondezzaio abusivo
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 28/08

Quartiere San Paolo, un lato della piazza è diventato una discarica e scoppia la protesta

Residenti indignati per il fetore esalato da un immondezzaio abusivo

Vasto, quartiere San Paolo: la discarica abusiva che ha scatenato la protesta Sacchi d'immondizia ammucchiati, rifiuti gettati sull'asfalto. Un lato di largo Alcide De Gasperi, nel quartiere San Paolo, è diventato una discarica e scoppia la protesta sui social.

A denunciare la presenza di rifiuti di vario genere, in parte sparsi a terra, è Patrizia De Rosa, residente del rione che, con i suoi 13mila residenti, è il più popoloso di Vasto.

"Qui - racconta - ci sono degli anziani che non ce la fanno più a sentire questo fetore insopportabile, Ho telefonato alla Pulchra (la società che gestisce l'igiene urbana a Vasto, n.d.r.), ma mi è stato risposto che gli addetti non sarebbero potuti intervenire prima di stanotte o domattina. E così ieri sera mi sono messa a pulire insieme a un'altra persona, che è pure caduta a causa di un pozzetto scoperchiato. Ho chiamato le forze dell'ordine per chiedere loro di intervenire e indagare per trovare i responsabili di questa indecenza".

Rincara la dose Stefano Moretti, perito infortunistico e consigliere comunale a Monteodorisio: "È una discarica abusiva in pieno centro. Il piazzale è in stato di incuria totale e ci sono anche due tombini aperti; se ci cade dentro un bambino, ci rimette le penne". 

Segnalata in zona anche la presenza di siringhe, alcune delle quali senza neanche il cappuccio di protezione. Residenti chiedono pulizia e sorveglianza. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi