"Non poter usare palestre scolastiche è un duro colpo per lo sport di base" - La lettera aperta di Stefano Comparelli, presidente regionale Fitet
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Sport 25/08

"Non poter usare palestre scolastiche è un duro colpo per lo sport di base"

La lettera aperta di Stefano Comparelli, presidente regionale Fitet

Stefano Comparelli, presidente regionale della Fitet (Federazione Italiana tennistavolo), ha scritto una lettera aperta sulla situazione di difficoltà vissuta dal mondo dello sport dilettantistico.

"Il Provvedimento del Dirigente provinciale allo sport della Provincia di Chieti, Ing. Pasquini, con il quale si vieta alle Associazioni Sportive l’utilizzo delle palestre scolastiche fino al 15 ottobre (per adesso), sancisce formalmente quello che di fatto sta diventando lo smantellamento di una buona parte dello sport di base, almeno nella provincia di Chieti, o comunque di quella parte di mondo sportivo che sulle palestre scolastiche fonda la sua esistenza ed il suo sviluppo. 

Quest’altro colpo si aggiunge alla precaria situazione che il mondo dello sport dilettantistico sta attraversando a causa del prolungato fermo ultimamente gravato impietosamente dagli oneri della necessaria adesione e condivisione di Protocolli anti-Covid che spesso non appaiono coerenti e conseguenti con i criteri inspiratori (anche tra discipline diverse) oltre che in alcuni casi di difficilissima applicabilità.

Mentre da parte della Regione Abruzzo in diversi casi si è cercato di agevolare, favorire, accelerare la ripresa sportiva di tutte le discipline addirittura anticipando decisioni del governo centrale, in altre sedi si adottano risoluzioni perentorie che non offrono possibilità alternative e che suonano come riti di estrema unzione riservati alle Associazioni di svariate discipline che non disponendo in concessione impianti sportivi comunali o non essendo addirittura proprietari di strutture proprie, potrebbero dover chiudere i battenti in quanto quest’altro stop, quandanche non fosse prorogato dopo il 15 di ottobre, segue un lungo periodo di inattività o attività assolutamente parziale e ridotta e cade a ridosso del periodo previsto per la ripresa delle attività agonistiche e mette le associazioni in condizioni di non poter far partecipare ai Campionati ed alle gare i propri atleti perché privi della necessaria attività prodromica di preparazione ed allenamento imprescindibile per qualsiasi disciplina sportiva. In particolare, il calendario agonistico del tennistavolo prevede la ripresa dei campionati a Squadre per il mese di Novembre e chiaramente questo Provvedimento della Provincia di Chieti penalizza tutte le squadre impegnate in gare a livello regionale e nazionale. 

Disporre in questo modo, in maniera perentoria, senza offrire una alternativa che metta nelle condizioni i sodalizi sportivi di adottare soluzioni anche più onerose dal punto di vista logistico organizzativo, ma comunque percorribili, parrebbe quasi un aggirare precise responsabilità che così facendo manterrebbero in un limbo, non più sostenibile, migliaia di atleti, dirigenti e tecnici che non potrebbe che tradursi, nelle prossime settimane, in un esodo spontaneo di tante professionalità e talenti che porterebbe in modo ineludibile alla chiusura di molte Associazioni Sportive.

Un provvedimento che potrebbe praticamente condannare alla definitiva scomparsa un centinaio di associazioni che, pur operando nel più assoluto volontariato, non sono state ritenute degne di considerazione se non per marginali provvedimenti tampone che però non sono stati in grado di fornire risposte ad un mondo che, fermo da 6 mesi, dovrà prolungare questo stop per altri 2, il tutto senza ricevere uno straccio di rassicurazione o di prospettiva per il suo futuro. Questo rimpallo di responsabilità che materialmente conduce alla totale inerzia sta bloccando l’intera nazione perché si traduce, come spesso accade in Italia, in un accumulo di gravami sull’ultimo anello della catena che vede nei Dirigenti degli Istituti scolastici, nei Presidenti delle Associazioni sportive ed anche nei Dirigenti degli Enti, gli obiettivi finali di una responsabilità personale che per quanto difficile da dimostrare nella sua effettività, comporta per i destinatari comunque una serie di problematiche giuridiche ed assicurative che si uniscono a tutte quelle delle quali il loro ruolo Istituzionale risulta già oltremodo appesantito.

Spiace constatare di aver trovato, nei mesi scorsi, alcuni organismi competenti, in particolare quelli sportivi, poco attenti al problema e poco preoccupati della situazione nonostante io ed altri Presidenti Regionali sin da giugno avessimo palesato la problematica afferente a tutta una serie di discipline sportive che non possono prescindere dall’utilizzo delle palestre scolastiche per la loro esistenza. Forse mostrare per tempo una maggiore sensibilità verso il problema avrebbe sicuramente aiutato ad comprendere con anticipo quanto lo stesso fosse ben più grande di quanto in realtà apparisse.

Il Tennistavolo tra tutte le discipline che si svolgono indoor è sicuramente quella che più di ogni altra non può trovare applicabilità all’esterno a differenza di altre discipline che pur utilizzando impianti scolastici al chiuso, non presentano forti criticità tecniche in una eventuale pratica open e sono sicuramente meno vincolate del Tennistavolo dai fattori ambientali esterni. Sono comunque tante le discipline che utilizzano, anche se alcune in modo marginale, impianti sportivi afferenti alle strutture scolastiche e che subiranno sicuramente un duro colpo dall’indisponibilità di questi luoghi che hanno rappresentato fino ad oggi la loro casa sportiva. 

Il nostro dissenso si unisce alla voce dei rappresentanti federali della FIP e della FIPAV affinchè anche altre federazioni si uniscano per formare un’unica voce forte e chiara per dire che non ci stiamo a questa condanna senza appello. Per chiarezza non contestiamo il provvedimento del Dott. Pasquini in quanto tale, ma la mancata offerta di alternative.

Personalmente ritengo che solo con la mitigazione dei profili di responsabilità penale ricondotte alle figure apicali di cui sopra ed attualmente assimilato giuridicamente alla responsabilità datoriale, si possa prevedere un riconsiderazione di alcune decisioni che, a cascata, si stanno riversando anche, ma non solo, sul mondo dello sport di base, danneggiandolo pesantemente. Fin quando sulle figure apicali del volontariato sportivo e dei Dirigenti scolastici graveranno tali profili di responsabilità giuridica la logica conseguenza sarà quella di fermare i motori di una ripresa che non avrà alcuna possibilità di attivarsi. Il provvedimento di diniego a firma del Dott. Pasquini è figlio di un sistema che, fino a quando sussisterà un pericolo di contagio, non diversamente regolamentato sotto il profilo delle responsabilità personali, non potrà che determinarsi in tal senso ed in ogni contesto. 

Sic stantibus rebus il divieto di fare resterà sempre la sola opzione proponibile per lo scarico di responsabilità di chi ha il dovere di decidere, mentre a nostro avviso l’unica via che potrebbe veramente rappresentare la soluzione di tutto sarebbe, invece e sempre, quella del consenso a fare e a fare bene seguendo le regole".

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi