Tari, botta e risposta tra minoranza e sindaco: "Sforzi titanici del Comune per aiutare i cittadini" - Il sindaco Catia Di Fabio e la Giunta rispondono ai consiglieri di opposizione
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Tari, botta e risposta tra minoranza e sindaco: "Sforzi titanici del Comune per aiutare i cittadini"

Il sindaco Catia Di Fabio e la Giunta rispondono ai consiglieri di opposizione

Catia Di FabioNon si è fatta attendere la risposta dell'amministrazione comunale di Monteodorisio e del sindaco di Catia Di Fabio, in merito alle dichiarazioni dei consiglieri di minoranza sui pagamenti della Tari.

Il primo cittadino e gli amministratori hanno infatti ritenuto opportuno fare alcune doverose precisazioni. "In primo luogo a Monteodorisio si è tenuto un consiglio comunale sulla situazione fiscale il 30 luglio scorso - si legge in un comunicato dell'amministrazione -, durante il quale i consiglieri di opposizione nulla hanno detto e nulla hanno eccepito su quanto deliberato dall'assise civica. Se avevano da fare proposte credibili e migliorative, ma non è questo il caso, le dovevano portare all'attenzione del consiglio comunale, e non spararle in modo confuso sulla stampa".

"Il Comune di Monteodorisio ha fatto sforzi titanici per aiutare la cittadinanza durante l'emergenza Covid: giova solo ricordare che è stato uno dei primi comuni d'Italia a condonare la tassa di occupazione di suolo pubblico – sottolineano -, molte settimane prima che il governo Conte prevedesse sgravi e contributi in tal senso".

"Mentre in Municipio il sindaco, la Giunta e la maggioranza lavorano per risolvere i problemi dei cittadini – affermano -, la minoranza si cimenta in improbabili comunicati di Ferragosto, che non rispecchiano il clima di collaborazione e concordia più volte invocato dagli stessi consiglieri di minoranza".

Infine, precisano che la Tari è "regolamentata da una legge nazionale, e la nostra amministrazione ha già applicato considerevoli dilazionamenti. Mentre comuni grandi, anche a noi vicini, hanno chiesto il pagamento della prima rata della tassa a maggio 2020, noi abbiamo prorogato la prima scadenza ad agosto, inserendo un dilazionamento in tre rate (agosto, settembre, dicembre) che risulta il massimo consentito dalle attuali norme".

"Piacerebbe a tutti avere la bacchetta magica ed eliminare imposte e tributi cittadini – dichiarano -, ma questo non è il caso di chi governa un qualsiasi Comune italiano. Mentre dall'opposizione non arriva nessun suggerimento serio e apprezzabile, noi ci accontentiamo di avere ridotto il carico fiscale sui nostri cittadini al minimo, e di averlo dilazionato nel più lungo tempo possibile. E di questi tempi non è poco".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi