CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 18/08/2020

Parcheggi occupati dai camper a Casarza: diverse sanzioni, ma servono stalli di sosta delimitati

Numerose proteste nei giorni scorsi

Numerose le proteste nei giorni del week end di ferragosto per i camper nel parcheggio di Casarza a Vasto. Diversi autocaravan hanno affollato lo spazio rendendo di fatto impossibile la sosta delle automobili (c'è chi ne ha contati addirittura 17).
"I camper – dice a zonalocale.it S.M.G. – avevano sostato tutta la notte nella zona e nel pomeriggio erano ancora lì. Occupano diversi posti, spesso lasciano spiaggia e parcheggio sporco, quale contributo poi all'economia della zona?". 

La vicenda, sicuramente non nuova, non è pero così di immediata soluzione. Questo genere di mezzi può usufruire dei parcheggi come qualsiasi altro veicolo, come spiega il comandante della polizia locale Giuseppe Del Moro, l'importante è che non occupi lo spazio pubblico con tavolini, sedie ecc. Il confine tra il parcheggio e l'occupazione dello spazio pubblico è labile: basta estrarre la scaletta per scendere dal camper per passare alla seconda tipologia di uso dello spazio. 

"In quei giorni – dice Del Moro – abbiamo sanzionato diversi camperisti che stavano occupando spazio pubblico in zone non consentite".

Altro problema sorge poi per l'occupazione, come parcheggio, di uno spazio che potrebbe essere usato 2-3 automobili. In quel caso la sanzione amministrativa potrebbe scattare se non venissero rispettate le strisce che delimitano gli stalli di sosta, ma nel parcheggio di Casarza mancano le strisce. 
Auspicabile, quindi, che il Comune intervenga delimitando almeno gli stalli destinati alla sosta dei veicoli.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi