Nei "Risvegli" di Costanzo D’Angelo 69 giorni in 69 scatti: il lockdown e il ritorno alla vita - La mostra dell’autore della foto che ha fatto il giro del mondo
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cultura 12/08

Nei "Risvegli" di Costanzo D’Angelo 69 giorni in 69 scatti: il lockdown e il ritorno alla vita

La mostra dell’autore della foto che ha fatto il giro del mondo

Costanzo D'Angelo davanti alla sua celebre foto intitolata Risvegli all'italianaIl flash non si riflette sulle 69 grandi immagini che raccontano la quarantena e il ritorno alla vita.

"Non so se l'hai notato, ma sono tutte opache, tranne la prima": il pannello nero in cui la scritta lockdown è un collage di frammenti di tanti messaggi di speranza scritti da persone come noi durante la fase peggiore della pandemia. Non è opaco, perché "se ti ci metti davanti, vedi la tua immagine riflessa".

Ognuno di noi ha vissuto quei 69 giorni che Costanzo D'Angelo ha voluto concentrare in altrettante foto scattate a Vasto, in quei due mesi e oltre, per raccontare il lavoro di chi ha combattuto in prima linea contro il nemico invisibile e la fantasia di chi è rimasto a casa ma, senza violare i divieti, ha tentato di mantenere comunque vivi i rapporti umani, come dimostra Risvegli all'italiana, la foto di Costanzo D'Angelo che ha fatto il giro del mondo. Scattata in un vicolo della Vasto antica, immortala dirimpettai che si passano il caffè. Uno scatto che dà il titolo all'intera mostra: Risvegli, a Palazzo Mattioli fino al 14 agosto.

Le immagini sono più importanti delle parole che si possono usare per commentarle. Mai come in questo caso, gli scatti cristallizzano due mesi durissimi e per questo indelebili. 

L'autore - Nato a Basilea nel 1968, Costanzo D'Angelo vive da 25 anni a Vasto, dove svolge la professione di fotografo, una passione ereditata dai suoi genitori: fin da piccolo, infatti, gli piaceva stare in studio, in camera oscura con suo padre a visionare e stampare foto, consultare riviste e imparare a usare la reflex. Ha già curato diverse mostre fotografiche, tra cui quella intitolata 49 scatti, che lui considera la più significativa. Realizza video e cortometraggi insieme al fratello Simone; tiene corsi di fotografia ed è fotografo di scena, "sempre alla ricerca di immagini-emozioni". 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi