Wwf: "Concerti nella Riserva, situazione intollerabile. Il Comune intervenga" - Il caso Punta Aderci - Ambientalisti sul piede di guerra
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 11/08

Wwf: "Concerti nella Riserva, situazione intollerabile. Il Comune intervenga"

Il caso Punta Aderci - Ambientalisti sul piede di guerra

Vasto, Riserva naturale di Punta Aderci: l'appuntamento di ieri sera con Sax on the beach (foto Wwf Abruzzo)Il caso Punta Aderci si allarga a macchia d'olio. Alle proteste degli ambientalisti si aggiunge anche il Wwf Abruzzo, secondo cui "quello che sta accadendo non in alcun modo tollerabile" e chiede l'intervento dell'amministrazione comunale di Vasto "per scongiurare che nei prossimi eventi in programma si ripeta quanto accaduto".

"Il WWF - si legge in una nota della sede regionale dell'organizzazione - ha seguito con attenzione le vicende legate all’evento Sax on the beach – Tramonti d’autore, cercando un confronto con il Comune di Vasto e confidando nelle indicazioni e nelle prescrizioni emerse dal Comitato di Gestione della Riserva di Punta Aderci, ma purtroppo ha dovuto constatare che quello che sta accadendo non è in alcun modo tollerabile all’interno di un’area protetta, che ha nel fine istitutivo la tutela della flora e della fauna e dove sono vietate tutte le iniziative che possono creare danno alla natura.

Dalle informazioni che abbiamo raccolto, dalle foto, dai video, è evidente che quello che doveva essere un momento di intrattenimento musicale con un sax e una blanda amplificazione, si è trasformato in altro. Già il 27 luglio oltre al sax è stata presente una console con un dj ed è stata trasmessa musica disco, tra l’altro in prossimità di un costone interdetto per pericolo crollo. Abbiamo cercato un’interlocuzione con i nostri riferimenti in Comune, abbiamo atteso il pronunciamento del Comitato di Gestione e, fiduciosi, abbiamo auspicato che l’evento tornasse a essere quello compatibile con le attività possibili in una Riserva. Così non è stato. L’appuntamento di ieri sera, lunedì 10 agosto, seppur realizzato in un’altra area rispetto al costone, si è trasformato di nuovo in una discoteca sul mare, alla presenza di migliaia di persone, con musica amplificata e illuminazione all’interno dell’area protetta. I video e le foto, alcune delle quali sono allegate al presente comunicato non lasciano spazio all’interpretazione.

Quanto sta avvenendo - sostiene il Wwf - non ha nulla a che fare con la corretta gestione di una Riserva e, oltre a non essere condivisibile, ravvisa sicuramente elementi di possibile danno alla natura protetta. Si rammenta che il Regolamento n. 1 del 29/3/2012 Disposizioni integrative Regolamento interno alla Riserva prevede che per quanto attiene all’inquinamento da rumore Sul litorale della Riserva e nelle immediate vicinanze è vietata l’organizzazione di qualsiasi manifestazione nonché l’utilizzo di strumenti (radio, percussioni, ecc.) che possono comportare inquinamento sonore e, in tal senso, arrecare disturbo ai frequentatori della Riserva e alla fauna. Nel Regolamento è anche previsto che il Comitato di gestione, dietro richiesta e per particolare motivazioni culturali e ambientali, che non si ravvisano nell’episodio contestato, possa derogare, ma è in ogni caso necessario il parere del gestore della Riserva. Non ci risulta che sia stato espresso alcun parere da parte della Riserva.
L’area interessata è inoltre anche all’interno di un Sito di Interesse Comunitario dove ogni azione che possa arrecare danno alle specie e agli habitat tutelati deve essere sottoposta a Valutazione di Incidenza (art. 6 della Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, recepita in Italia con il D.P.R. 8 settembre 1997 n. 357 modificato ed integrato dal D.P.R. 12 marzo 2003 n. 120).

Il WWF chiede che il Comune di Vasto, che ha la responsabilità della gestione della Riserva di Punta Aderci, intervenga al più presto per scongiurare che nei prossimi eventi in programma si ripeta quanto accaduto e vieti qualsiasi azione che vada a mettere a repentaglio il patrimonio naturalistico del territorio che è chiamato a tutelare".



di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi