"Strada per le ambulanze tra le dune? No, la Riserva va protetta" - Il dibattito tra i cittadini
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Strada per le ambulanze tra le dune? No, la Riserva va protetta"

Il dibattito tra i cittadini

"Oggi leggo che una turista chiede al comune sicurezza, accesso per le ambulanze e tanto altro. Ben venga ma se si tratta di un'area da tutelare va tutelata anche riducendo gli accessi in modo naturale, senza scempi, cementificazione e senza creare i presupposti acché in seguito vengano creati stabilimenti balneari e tanto altro". Credo che un passo così porti a quel degrado che vediamo al centro di Vasto Marina", afferma Alessio Marchesani, lettore di Zonalocale, riguardo alla richiesta di una turista di Campobasso, Gianna Mattucci, di creare nella zona meridionale della riviera un accesso idoneo al passaggio delle ambulanze anche nella Riserva naturale Marina di Vasto. 

"Chi va in zone protette deve essere consapevole che non ci sono tutti i servizi che si trovano nelle aree più affollate.
Sarebbe come creare l'accesso all'ambulanza in un bosco dove in tanti vanno ad ammirare delle cascate. Lasciamo la natura così che è già tanto e lasciamo l'area dunale protetta e con pochi accessi. Pensiamo alla spiaggia dei Libertini, in tanti vorrebbero andarci ma in pochi effettivamente vanno per la scomodità di arrivare. Meno male! Faremo anche lì un accesso ambulanza asfaltato, metteremo dei lampioni e perché no anche un bel bar? Ma dai". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi