Dune bruciate, oggi la pulizia. Comitato per il verde attacca: "Riserva abbandonata" - La polemica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 07/08

Dune bruciate, oggi la pulizia. Comitato per il verde attacca: "Riserva abbandonata"

La polemica

Riserva naturale di Marina di Vasto: l'area dunale bruciata dall'incendio di martedìStamani gli attivisti di Wwf e Legambiente indossano i guanti e prendono i sacchi dell'immondizia per raccogliere dalle dune bottiglie e altri rifiuti scoperti dopo il rogo che martedì ha bruciato la vegetazione di un'ampia zona della Riserva naturale di Marina di Vasto. L'iniziativa delle due organizzazioni ambientaliste che gestiscono l'area protetta è in collaborazione col Comune di Vasto. 

Ma proprio sulla gestione dell'oasi dunale piovono le critiche del Comitato per la tutela del verde pubblico e privato, sorto a luglio dopo il taglio degli otto pini nel quartiere San Paolo e già impegnato nella raccolta firme per chiedere l'approvazione del regolamento del verde urbano: "Ad oggi l'area dunale della Riserva Marina di Vasto è totalmente abbandonata, senza controlli, non vi è nessuna cura, tutela o salvaguardia", scrivono gi attivisti in una nota.

"Quello che è successo martedì pomeriggio nell’area dunale e retrodunale della Riserva con annesso sito di interesse comunitario (SIC) è un fatto grave. Preoccupa perché c’è il fondato pericolo che una situazione del genere si possa ripetere nel caso in cui non vengano presi adeguati provvedimenti. Solo per puro miracolo le fiamme non hanno aggredito anche la pinetina distante pochi metri dal luogo dell’incendio. Se fosse accaduto non solo sarebbe stato distrutto un prezioso patrimonio arboreo, ma data la mancata manutenzione e pulizia del sottobosco, ci sarebbe stato un incendio dalle dimensioni terrificanti che avrebbe messo in pericolo le abitazioni a ridosso della pista ciclabile.

Il rogo di martedì pomeriggio ha messo in luce tante criticità sulle quali l’amministrazione comunale non è mai voluta intervenire. Parliamo di una zona con un’altissima valenza naturale, all’interno di un’area fortemente antropizzata sottoposta, quindi, a continue minacce e oggetto di interessi che vanno in direzione diametralmente opposta a quella della tutela e della conservazione ambientale.

Ad oggi l’area dunale della Riserva Marina di Vasto è totalmente abbandonata, senza controlli, non vi è nessuna cura, tutela o salvaguardia anche a causa di una gestione 'a titolo gratuito' che il Comune ha affidato a tre associazioni (Wwf, Legambiente e IAAP). Tale gestione, la cui convenzione è stata da poco rinnovata dalla giunta per un ulteriore periodo di un anno ed in via sperimentale - non garantisce la quotidiana manutenzione e la sorveglianza che in un’area protetta dovrebbe essere assicurata, anzi è totalmente assente, a dimostrazione della scarsa attenzione che l’amministrazione comunale ha nei confronti di quel sito e delle sue criticità ambientali. Non si può gestire una Riserva così delicata a titolo gratuito ed in maniera volontaria, perché necessita di vigilanza e manutenzione continua.

Come Comitato per la tutela del verde pubblico e privato chiediamo che l’area dunale e retrodunale venga tutelata e curata, che il Comune doti la Riserva di una gestione realmente operativa e che si attivi affinchè la Regione inserisca Marina di Vasto tra quelle da finanziare con fondi regionali. 
Marina di Vasto - concludono Wwf e Legambiente - non può e non deve essere considerata di serie B: è arrivato il momento che l’amministrazione comunale dedichi la giusta attenzione all’area dunale che caratterizza la parte meridionale del litorale, tutelandola e valorizzandola".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi