"La Giunta Menna fa scempio del verde pubblico e impone vincoli e oneri sui giardini privati" - La polemica del centrodestra
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 07/08/2020

"La Giunta Menna fa scempio del verde pubblico e impone vincoli e oneri sui giardini privati"

La polemica del centrodestra

Il Regolamento del verde pubblico e privato licenziato a maggioranza dalla Commissione Affari istituzionali del Consiglio comunale di Vasto è "un insieme di norme vincolistiche e assurde" e imporrà "vincoli e oneri a carico del cittadino che viole mantenere il verde privato del suo giardino o della sua campagna".

I consiglieri comunali Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro), Alessandro d'Elisa (gruppo misto), Guido Giangiacomo (Forza Italia), Vincenzo Suriani e Francesco Prospero di Fratelli d'Italia, Alessandra Cappa e Davide D'Alessandro della Lega puntano il dito contro la Giunta e la coalizione di centrosinistra che la sostiene. 

"La maggioranza Menna, in un silenzio imbarazzante dei propri consiglieri, e con un atteggiamento scostante e provocatorio del presidente della Commissione Affari istituzionali, ha approvato con i suoi soli voti in commissione il Regolamento del Verde Urbano. È stato impedito di discutere e di presentare qualsiasi emendamento o integrazione. Persino gli appunti
dei dirigenti del settore Polizia Locale e Urbanistica sono stati non considerati. Un insieme di norme vincolistiche ed assurde, nel tentativo di giustificare la inefficienza nella gestione del verde pubblico e di attentare all’uso della proprietà privata.

Come consiglieri di centrodestra e dei movimenti civici, pur essendo estremamente favorevoli alla regolamentazione del verde pubblico, rimaniamo stupiti di fronte alla mancanza di argomentazioni della maggioranza. Nessuno parla, nessuno difende questo regolamento, nessuno fornisce i pareri richiesti.

Inoltre suscitano perplessità le pagine del regolamento sul verde privato, che la sinistra stessa ha dimostrato di sottovalutare, che potrebbero portare a vincoli e oneri a carico del cittadino che vuole mantenere il verde privato del suo giardino o della sua campagna. Chiediamo a questa Giunta di fermarsi, dopo aver creato lo scempio urbano del verde pubblico per mesi (vedi il taglio dei pini al quartiere San Paolo), e di concordare un testo più snello e applicabile facilmente senza vessare i vastesi già provati dalla crisi economica post Covid. Noi, di fronte a tanta manifesta incapacità amministrativa, proveremo in aula consiliare a migliorare un testo, allo stato attuale dei fatti, inapplicabile e pieno di vincoli. Ci batteremo per salvare il verde pubblico e le tasche dei cittadini vastesi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi