Incendi, 6 denunce. "Rogo a Vasto partito dal fornello della salsa di pomodoro fatta in casa" - Le indagini dei carabinieri forestali sui molti episodi di quest’anno
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 06/08

Incendi, 6 denunce. "Rogo a Vasto partito dal fornello della salsa di pomodoro fatta in casa"

Le indagini dei carabinieri forestali sui molti episodi di quest’anno

Vasto: alberi bruciati due giorni fa nell'incendio di località Selvotta, dietro la stazione ferroviaria

Il fuoco acceso sotto il calderone della conserva di pomodoro fatta in casa. Da lì, sospinte dalle raffiche di vento, si sarebbero sprigionate le fiamme che hanno scatenato il recente incendio in contrada Selvotta, nelle campagne retrostanti la stazione ferroviaria Vasto-San Salvo. A questa conclusione sono arrivate le indagini dei carabinieri forestali.

I militari hanno svolto un'ampia inchiesta sugli incendi in tutta la provincia arrivando a denunciare complessivamente 6 presunti responsabili. Ipotizzati i reati di incendio boschivo e incendio colposo.

Le indagini - "Nel corso del 2020 - si legge in una nota del comandante provinciale, Nevio Savini - i Carabinieri Forestali operanti in provincia di Chieti hanno individuato e denunciato sei persone  resesi responsabili di incendi boschivi, di sterpaglie,  incolti e coltivi che, in alcuni casi, hanno interessato estese e significative aree boschive con danni al paesaggio e possibili ripercussioni sull’equilibrio idrogeologico del territorio.

Gli incendi, tutti colposi, sono stati provocati da comportamenti umani non corretti, connotati da imprudenza, negligenza o imperizia, in violazione di norme e regolamenti.

Gli eventi accertati sono riconducibili ad una diversificata casistica che comprende la bruciatura di potature e di residui vegetali derivanti da attività agricole, la ripulitura di terreni incolti e la combustione di rifiuti di vario genere.

L’ultimo episodio in ordine di tempo, accaduto qualche giorno fa nel Vastese, ha avuto origine dal fuoco incautamente acceso nella corte adiacente ad un fabbricato rurale, in presenza di forte vento ed alte temperature, per la cottura della salsa di pomodoro ad uso familiare.

Tutti i responsabili dovranno rispondere di incendio boschivo o di incendio colposo ai sensi degli artt. 423 bis e 423 del Codice penale con pesanti pene che, nel minimo, vanno da uno a cinque anni.

A seguito dell’emanazione del Decreto del Presidente della Giunta Regionale d’Abruzzo n.357  del  29 giugno 2020 di Dichiarazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi cui tutti i cittadini devono attenersi in merito alle prescrizioni ed ai divieti, sono stati intensificati in tutta la provincia i controlli  dei Carabinieri Forestali  per la  prevenzione e repressione degli incendi boschivi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi