Il campanile di Santa Maria aperto ai visitatori: sarà possibile ammirare la città dall’alto - Le visite il 12, 13, 14 e 16 agosto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Eventi 06/08

Il campanile di Santa Maria aperto ai visitatori: sarà possibile ammirare la città dall’alto

Le visite il 12, 13, 14 e 16 agosto

Il campanile di Santa Maria Maggiore aprirà le sue porte ai visitatori. L'iniziativa è promossa dalla Parrocchia in collaborazione con la delegazione Fai di Vasto e il Comune di Vasto. Il 12, 13, 14 e 16 agosto, ai visitatori sarà consentito di accedere nel campanile e, dopo aver salito tutti gli scalini, raggiungere la terrazza panoramica da cui si gode di una vista mozzafiato sulla città.

 La “scalata” richiederà un minimo di impegno fisico, un pizzico di prudenza e di attenzione, scarpe comode (chiuse). La visita gratuita è inoltre possibile solo per persone dai 16 anni in su ed è fortemente sconsigliata per chi abbia problemi di vertigini, cardiopatia o claustrofobia.

In questi primi giorni di agosto le visite sono collaudate dai gruppi di servizio della Parrocchia mentre nei giorni 12, 13, 14 e 16 agosto anche gli altri cittadini potranno entrare all’interno del monumento dalle ore 16:00 alle 18:30 e dalle ore 20:30 alle ore 22:30. Sarà possibile salire a gruppi di massimo 8 persone, muniti di mascherina e solo previa prenotazione mediante invio di messaggio al numero: 340.784.29.04 solo a partire da lunedì 10 agosto

"Esistono dei sogni che ci portiamo dentro da bambini che risultano però, quasi sempre, irraggiungibili, e a questo genere di desiderio appartiene certamente la visita ad un campanile - scrive il parroco Don Domenico Spagnoli nel presentare l'iniziativa sul sito parrocchiale -. Non è mai facile l’accesso a questi monumenti che sono stati progettati per ospitare solo gli esperti campanari o gli addetti alle manutenzioni. Eppure la simbologia che racchiude in sé il campanile suscita continuo fascino sul fedele e sul turista in genere. Ecco perché da anni custodivamo il desiderio di restituire alla Città la possibilità di salire lungo la sua scalinata, non solo per apprezzare il panorama a 360° dai suoi 40 metri di altezza, ma anche per restituire le sue perle nascoste come l’architrave di datazione (A.D. 1331) con la sua iscrizione latina, la scala a chiocciola in pietra, le varie fasi di costruzione leggibili attraverso i tracciati dei laterizi che conducono fino alla parte più alta della struttura, completata nel 1701. Un sogno che si sta realizzando! Presto si potrà apprezzare meglio il valore di questo edificio simbolo di Vasto, punto di riferimento della Città, indice puntato verso il cielo, sede delle campane che a loro volta richiamano alla preghiera liturgica. La sua presenza che per i cristiani rimanda alla necessaria elevazione dell’anima, verso quel Dio che ha voluto rovesciare il cielo sulla terra in Gesù, rappresenta anche per un laico l’invito alla trascendenza.

In tutto questo gioco di simboli, si comprenderà come la visione di un panorama dal campanile costituisca un forte rimando ad una prospettiva Altra: se si conserva un minimo di sensibilità non si può non riflettere sulla bellezza del cielo che si riflette sul nostro mare, della nostra umanità chiamata ad ospitare la grazia divina. In sintesi la salita fino al vano delle campane rivelerà lo scorrere delle fasi di costruzione, con le finestre e porte aperte e poi richiuse, mentre la stessa visione delle cinque campane in bronzo con le antiche incisioni (realizzate da 1547 al 1956) è suggestivo richiamo sia all’inesorabile scorrere del tempo che alla grazia della preghiera. L’arrivo alla terrazza panoramica, poi, più che un fine corsa rappresenta un incoraggiamento alla contemplazione per un ritorno a casa alleggeriti dai riflessi di cielo.

Tutto questo è oggi fruibile dal fedele e dal turista grazie all’impegno di tutta la Comunità di Santa Maria Maggiore che ha supportato il parroco nei lavori di pulizia (si pensi solo alla sporcizia lasciata dai volatili), di messa in sicurezza, di illuminazione, di ristrutturazione della scala di accesso alla terrazza e della sua porta in ferro. L’iniziativa acquista poi particolare valore perché la sala di accesso alla torre verrà dedicata ad una persona speciale per la Comunità, ossia al compianto sagrestano Giuseppe Ruzzi come testimonierà una targa all’ingresso: Salita Torre Giuseppe Ruzzi Peppino".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi