Il centro si popola di cultura: da Remo Rapino alla Repubblica Vastese, serata per palati fini - Due appuntamenti, molto pubblico ieri sera nella città antica
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cultura 05/08

Il centro si popola di cultura: da Remo Rapino alla Repubblica Vastese, serata per palati fini

Due appuntamenti, molto pubblico ieri sera nella città antica

Vasto: Remo Rapino ieri sera in piazza BarbacaniCentro storico popolato dalla cultura ieri sera a Vasto. Due gli appuntamenti in contemporanea in piazza Barbacani e nella chiesa di Maria Santissima del Carmine. 

Nel primo, l'ospite è Remo Rapino, lo scrittore di Lanciano autore di Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio, il romanzo finalista al Premio Campiello e candidato al Premio Strega, vincitore del Premio Cielo d'Alcamo per il miglior excipit e candidato alla vittoria dei premi Napoli, Subiaco Città del Libro e Rieti Centro d'Italia

Nella serata organizzata dall'associazione Liber di Germana Benedetti Manuela Petroro nell'ambito della 26ª edizione di Scrittori in Piazza, pubblico numeroso davanti al Castello Caldoresco per ascoltare Rapino che, intervistato da Loris Di Edoardo, tratteggia il personaggio di Liborio e spiega cosa lo ha ispirato: "È un libro non dei muri, ma dei porti aperti. Un libro sull'accoglienza", che quindi ha anche un significato "politico". 

"Diceva Pasolini: 'Siamo impotenti, ma le parole serviranno pure a qualcosa'. La follia di Liborio è una forza insopprimibile che alcuni hanno dentro. Liborio rompe gli schemi e, quando qualcuno rompe gli schemi tradizionali, viene emarginato", perché non persegue "i valori tradizionali dei soldi e della ricchezza". 

Il romanzo, edito da Minimum Fax, è una storia fatta da personaggi che l'autore stesso ha incontrato e continua a incontrare nella sua vita: "Il bar che Liborio frequenta è il bar che frequento io, le persone che conosce sono quelle che conosco io, i miei amici". 

Vasto: Paolo Calvano nella chiesa di Maria Santissima del CarmineLa Repubblica Vastese - Il tempo incerto non ha fermato il nuovo appuntamento con Libri al Chiostro, la rassegna culturale organizzata dalla Pro loco Città del Vasto, di cui è presidente Mercurio Saraceni. La chiesa di Maria Santissima del Carmine ha ospitato l'appuntamento intitolato Vasto 1799, presentato dall'attore Stefano Angelucci Marino con relatore il professor Paolo Calvano.

Il 1799 è l'anno della Repubblica Vastese, proclamata il 6 gennaio gennaio sull'onda del dilagare delle truppe francesi in Italia e durata poco più di quattro mesi, fino al 19 maggio, quando prevalse la Restaurazione borbonica. 

Paolo Calvano ha ripercorso quella breve, ma intensa vicenda attraverso l'analisi e il commento di preziosi documenti dell'epoca, che hanno fatto respirare ai numerosi presenti il clima storico, ma anche la quotidianità che si viveva nell'anno della Repubblica Vastese. 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi