Pestaggio alla marina: tre i giovani aggrediti, non hanno reagito a calci e pugni - Per uno di loro trauma cranio-facciale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 25/07

Pestaggio alla marina: tre i giovani aggrediti, non hanno reagito a calci e pugni

Per uno di loro trauma cranio-facciale

Sono tre i giovani aggrediti alle prime ore del giorno a Vasto Marina da altrettanti coetanei. Con il passare delle ore emergono altri dettagli sull'episodio di violenza verificatosi durante la notte [LEGGI]. 

L'età media dei coinvolti si aggira intorno ai 20 anni. In queste ore i carabinieri della stazione di Vasto stanno ricostruendo l'episodio anche grazie alle testimonianze. 
Un primo contatto tra i due gruppi è avvenuto davanti a un locale di via Dalmazia. Poco dopo le 3, i tre amici (di cui uno stava festeggiando il compleanno) sono stati raggiunti sul lungomare Cordella all'altezza del lido n. 51 e aggrediti brutalmente. Nonostante i calci e i pugni, i tre non hanno reagito (circostanza confermata anche dalle forze dell'ordine) fino a quando gli aggressori sono andati via. A quel punto, hanno raggiunto la pattuglia dei carabinieri presente nelle vicinanze della chiesa di Stella Maris denunciando quanto accaduto.

Due di loro sono stati accompagnati al pronto soccorso del "San Pio". Il più grave ha riportato un trauma cranio-facciale con 25 giorni di prognosi. I militari coordinati dal comandante Luca D'Ambrosio stanno ricostruendo l'esatta dinamica dei fatti, ma ormai pare certo che alla base dell'aggressione ci siano futili motivi.

Dopo l'accoltellamento di un 24enne di Montesilvano di due settimane fa (sul quale si sta ancora facendo luce), sono stati intensificati i controlli grazie anche al servizio congiunto tra varie forze dell'ordine. Episodi come quello di ieri sera, dimostrano però che si ricorre troppo facilmente alla violenza anche con le forze dell'ordine poco distanti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi