Corso Mazzini, l’attraversamento a metà: "Rallentatore o passaggio pedonale?" - La segnalazione di una residente: il dosso arriva solo allo spartitraffico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Corso Mazzini, l’attraversamento a metà: "Rallentatore o passaggio pedonale?"

La segnalazione di una residente: il dosso arriva solo allo spartitraffico

Vasto, corso Mazzini: l'attraversamento a metà"È un rallentatore o un attraversamento pedonale?". 

È la domanda che più di un pedone si è posto provando ad attraversare l'incrocio tra corso Mazzini, circonvallazione Istoniense, via Incoronata e via San Sisto, nella zona nord dell'abitato di Vasto. 

Si tratta di uno dei nuovi attraversamenti pedonali rialzati: copre la sola corsia nord unendo il ciglio della strada con lo spartitraffico. La restante parte della carreggiata non ha né dosso, né strisce pedonali.

Se in municipio "ritengono - dice una residente, Paola Cerella - che trattasi solo di un dosso rallentatore, non di attraversamento pedonale, togliessero immediatamente le strisce dipinte sopra e ripristinassero le strisce pedonali, oggi inesistenti". 

Ieri il comandante della polizia locale, Giuseppe Del Moro, dopo aver precisato di essere l'autore della delibera che dà il via libera alla realizzazione dei nuovi attraversamenti rialzati, ma di non averne curato il progetto, annunciando allo stesso tempo modifiche nei punti più critici, soprattutto dove le scanalature realizzate per il deflusso delle acque piovane non consentono il passaggio dei disabili in sedia a rotelle o su scooter elettrico [LEGGI]. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi