Sulle strade di Vasto arrivano le corsie ciclabili - Saranno realizzate lungo 10 km. di strade unitamente alle case avanzate
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 18/07

Sulle strade di Vasto arrivano le corsie ciclabili

Saranno realizzate lungo 10 km. di strade unitamente alle case avanzate

foto da Bikeitalia.it

Saranno realizzate a Vasto nuove corsie ciclabili - bike lane - e case avanzate. La giunta ha approvato il progetto di realizzazione della Rete Ciclabile Transitoria recependo le innovazioni già presenti in molti Paesi Europei ed introdotte in Italia con il recente D.L. 19 maggio 2020 n.34, cosiddetto Decreto Rilancio. Tale provvedimento all’art. 229 inserisce alcune novità nel Codice della Strada per favorire le amministrazioni locali nella trasformazione dell’uso delle strade e degli spazi pubblici verso un maggiore e più sicuro utilizzo della bicicletta. 

La casa avanzata è "una apposita linea di arresto per le biciclette in corrispondenza degli incroci semaforici in posizione avanzata rispetto alla linea di arresto per tutti gli altri veicoli". Le corsie ciclabili "interessano la parte longitudinale della carreggiata, posta a destra, delimitata mediante una striscia bianca discontinua, valicabile e ad uso promiscuo, idonea a permettere la circolazione sulle strade urbane dei velocipedi nello stesso senso di marcia degli altri veicoli e contraddistinta dal simbolo del velocipede. Si possono realizzare in tutte le strade urbane con limite non superiore ai 50 km/h indipendentemente dalla larghezza della strada e delle corsie preesistenti perché, come recita il decreto, questa corsia è parte della ordinaria corsia veicolare e non va dunque a ridurne la larghezza".

Le corsie ciclabili saranno realizzate in via Cardone, via Vittorio Veneto, corso Garibaldi, corso Mazzini, nel tratto urbano di via Incoronata, corso Europa, via Ciccarone, il tratto urbano di via del Porto, circonvallazione Histoniense, via Donizetti dall’intersezione con il Parco delle Lame all’innesto con la SS16 per un totale di 10,06 km. Le case avanzate interesseranno l’intersezione tra Corso Mazzini e Via Giulio Cesare e l’intersezione tra Corso Europa e Via Ciccarone.

Il progetto è stato realizzato dall’architetto Alessandro Tursi nell’ambito dell’incarico conferito dall’ufficio Trasporti e Mobilità sostenibile del Comune di Vasto per la realizzazione del Biciplan (piano urbano della mobilità ciclistica). Le misure di intervento approvate dalla Giunta Comunale sono state recepite con Ordinanza n.283/2020 del Comandante della Polizia Municipale.

"Non ci siamo fatti trovare impreparati all’arrivo di questa importante novità del Codice della Strada promossa dal Governo Nazionale – dichiarano il sindaco Francesco Menna e l’Assessore alla Mobilità Sostenibile e Trasporti, Paola Cianci - in tema di mobilità sostenibile, migliorativa per la sicurezza stradale dei ciclisti i quali aumentano sempre di più anche nella nostra città. Vasto si unisce a molti Comuni che hanno iniziato a realizzare reti ciclabili transitorie a seguito del Covid  come Roma, Milano, Genova, Firenze, Bologna, Napoli, Bari e tanti altri Comuni più piccoli. L’Amministrazione, attraverso il tecnico incaricato e gli uffici comunali, ha colto l’occasione per realizzare, con fondi già stanziati per la mobilità ciclistica nel bilancio 2020, un prima e buona parte di bike lane con la prospettiva poi di realizzare nel tempo gli interventi più strutturati e tradizionali previsti sempre nel Biciplan. Si tratta anche di rispondere nell’immediato, - concludono sindaco e assessore - con una prima rete urbana continua, connessa e collegata anche a Vasto Marina, alle richieste e esigente dei tanti cittadini che stanno scegliendo di usare la bici in città ora che le biciclette elettriche rendono i dislivelli alla portata di tutti. In particolare a seguito del Covid, in molti hanno riscoperto i vantaggi di questa forma di mobilità che non inquina, non intasa lo spazio pubblico, salutare per se e per la collettività e consente il distanziamento sociale come raccomandato dall’OMS”. 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi