Incendio in casa, muore a 75 anni medico in pensione - Malore o intossicazione le cause ipotizzate della morte
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Incendio in casa, muore a 75 anni medico in pensione

Malore o intossicazione le cause ipotizzate della morte

Schiavi d'Abruzzo: carabinieri e 118 sono intervenuti sul luogo del decessoIntossicazione da fumo. È la probabile causa della morte, avvenuta a Schiavi d'Abruzzo, di un uomo di 75 anni.

La vittima, Giovanni Di Lazzaro, è un medico in pensione. Il decesso è avvenuto a seguito dell'incendio scoppiato all'interno della sua casa, nel centro abitato del paese dell'Alto Vastese.

Dopo il principio d'incendio partito dalla cappa della cucina, è stato lo stesso settantacinquenne a spegnere le fiamme e ad aprire le finestre. Poi ha allertato la donna delle pulizie.

Quando alcuni amici sono andati nella sua casa per vedere come stava, lo hanno trovato a terra e privo di conoscenza. Hanno subito allertato il 118. 

Sul posto l'ambulanza di Castiglione Messer Marino e i carabinieri della Stazione di Schiavi d'Abruzzo. Ma non c'era nulla da fare. "La prima diagnosi è intossicazione da incendio", dice Alfonso Venturi, comandante della Compagnia dei carabinieri di Atessa. Ma non è esclusa l'ipotesi di un malore causato dallo spavento per l'incendio. L'uomo era molto conosciuto in paese: era stato consigliere comunale a Schiavi d'Abruzzo e medico di base a Montazzoli. Il sostituto procuratore di Vasto, Michele Pecoraro, ha dato il via libera alla restituzione del corpo esanime ai parenti del professionista, che viveva da solo. La sua morte improvvisa sta suscitando incredulità e dolore tra i tanti che lo conoscevano.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi