Vasto sceglie la via della prudenza: "No a grandi eventi per il bene della città" - Menna esclude iniziative di richiamo, "Così tuteliamo il lavoro degli operatori"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 10/07/2020

Vasto sceglie la via della prudenza: "No a grandi eventi per il bene della città"

Menna esclude iniziative di richiamo, "Così tuteliamo il lavoro degli operatori"

Francesco MennaNo a grandi eventi, sì a poche e selezionate manifestazioni durante le quali sarà possibile rispettare il distanziamento sociale e le restrizioni anti Covid-19.
Vasto opta per la strada della prudenza, una scelta che non mancherà di far discutere, e al già noto calendario di "Le piazze della musica" in centro se ne affiancheranno un altro per la marina e uno del settore Cultura.

Il sindaco Francesco Menna, contattato da zonalocale.it, è netto: "I primi numeri di questa stagione ci danno fiducia sulla presenza di turisti (anche se a giugno i dati degli operatori non erano così positivi, nda, LEGGI) Se a causa di un fenomeno di massa dovesse verificarsi la diffusione del contagio, la città si svuoterebbe vanificando il lavoro che stanno facendo albergatori e operatori nel rispetto delle prescrizioni". Il ricordo del focolaio nel quartiere San Paolo non è lontano: "I cittadini hanno avuto una condotta rigorosa riuscendo a superare situazioni molto particolari. Oggi il Covid non è ancora sconfitto, è necessario affrontare la ripartenza organizzando eventi ridotti, è una questione di prudenza e di rigore".

L'estate dell'ipotetico ritorno del Siren Festival, ora del tutto tramontato, avrà quindi come attrazione principale i concerti live delle Piazze della musica: ogni giovedì di luglio e agosto a partire dalle 22 in piazza Barbacani, via Adriatica e piazza Pudente si esibiranno gruppi locali. Appuntamenti simili saranno organizzati alla marina, "Sono occasioni concepite nel rispetto della normativa anti Covid che non creano eccessive occasioni aggregative o di movida notturna, piazze movimentate attraverso concerti così come sta avvenendo nelle città medio-grandi. Abbiamo elaborato il cartellone Liberi di scegliere: i turisti possono scegliere di passare le proprie vacanze a contatto con le nostre bellezze naturali in tutta sicurezza".
Come prevedibile, non si terranno le notti colorate. Arrivederci quindi a Notte Bianca, Notte Rosa delle Sirene: difficile garantire il distanziamento sociale "dal tramonto all'alba" [LEGGI].

Per quanto riguarda il programma stilato dal settore Cultura, Menna anticipa che saranno prediletti eventi dalla portata non eccessiva: mostre di quadri con ingressi contingentati e misurazione della temperatura, letture e presentazioni di libri in piazza, qualche spettacolo itinerante.
Salta anche l
'appuntamento con il Vasto Film Festival che dall'anno scorso vanta la collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma; "Anche secondo la Fondazione non ci sono i presupposti per organizzarlo".

Dopo la stagione 2019 caratterizzata dalle roventi polemiche per il Jova Beach Pary saltato, l'estate nel segno del Covid-19 sarà volutamente di tono minore anche rispetto alla vicina San Salvo dove, qualche giorno fa, è stato presentato il calendario delle manifestazioni. Circa 80 gli appuntamenti musicali e d'intrattenimento organizzati con il fondamentale apporto di associazioni e privati [LEGGI], alcuni dei quali a pagamento e da poco meno di mille posti a sedere (ad esempio Biagio Izzo e il rapper Luchè al campo sportivo della marina). 

"Sono scelte. Se ci sono privati che hanno proposte da avanzare ben vengano – conclude Menna – Stiamo cercando di concepire uno o due eventi più corposi, ma devo vedere prima l'andamento dell'emergenza. Comunque vada, tutte le manifestazioni saranno controllate. Preferisco questa presenza turistica pacifica e serena al rischio di vanificare il lavoro di ripresa che si sta facendo".

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi