"Stop del Tar riguarda solo un atto amministrativo. Ora è chiaro che non c’è pericolo ambientale" - Fabbrica di cemento a freddo, l’associazione Oasi commenta la sentenza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 06/07

"Stop del Tar riguarda solo un atto amministrativo. Ora è chiaro che non c’è pericolo ambientale"

Fabbrica di cemento a freddo, l’associazione Oasi commenta la sentenza

Pietro Marino"Il Tribunale Amministrativo Regionale, sezione staccata di Pescara, ha accolto il ricorso delle associazioni ambientaliste, annullando, di fatto, il parere favorevole relativo alla Valutazione di Incidenza Ambientale, emesso il 15.01.2018 dagli uffici del Comune di Vasto, a favore della EsCal, solo e esclusivamente sulla base di un presupposto, meramente, amministrativo. Va detto a chiare lettere che sull’impianto della Es.Cal, nelle 27 pagine di sentenza, non si ravvisa neanche una riga nel merito del suo funzionamento o di una eventuale minaccia per il territorio. E’ ormai chiaro, anche ai detrattori più indefessi, che la Es.Cal si occupa di produzione di leganti idraulici a freddo e non ha nulla a che vedere con la tipologia dei cementifici tradizionali". Lo afferma l'associazione Oasi, che raggruppa gli operatori economici della zona industriale di Punta Penna, dopo la sentenza emessa nei giorni scorsi dai giudici amministrativi. ù

"Il Tar ha eccepito sull’operato dei competenti uffici comunali che dovevano, sulla base della normativa vigente, necessariamente, perfezionare il procedimento autorizzativo, acquisendo il parere del Comitato di gestione della riserva regionale di Punta Aderci. I giudici hanno ritenuto insussistente il presupposto di inerzia, da parte del Comitato di Gestione, e che comunque a riguardo, il parere del Comitato rivestiva connotazione obbligatoria e vincolante. Un passaggio amministrativo dove non trova applicazione il termine dei sessanta giorni dalla domanda, in cui si matura, in assenza di risposta, il silenzio assenso”, afferma in una nota il direttivo del sodalizio presieduto da Pietro Marino.

"Nella stessa sentenza il Tar ha ufficializzato il ruolo dell’associazione Oasi-Occupazione Ambiente Sviluppo Industriale di Vasto che si era costituita ad opponendum nel ricorso amministrativo tra le parti. Nel dispositivo si legge testualmente: 'Ritiene il Collegio che, contrariamente a quanto dedotto, rispetto ai motivi di intervento proposti, va riconosciuta la legittimazione dell’Associazione intervenuta quale ente esponenziale dell’interesse comune degli operatori economici insediati nella medesima area industriale della controinteressata, in quanto portatori della medesima situazione soggettiva volta a sorreggere un’interpretazione della normativa ambientale compatibile con la tutela della loro rispettiva libertà di iniziativa economica e con le finalità di valorizzazione dell’area potenzialmente confliggenti con gli interessi fatti valere dagli enti ricorrenti'. Così come l’organo di giustizia amministrativa ha tenuto a precisare: 'Nella specie l’Associazione intervenuta ha rappresentato in atti la titolarità della situazione soggettiva per la cui tutela è intervenuta nel giudizio, attraverso l’allegazione dell’Atto costitutivo e dello Statuto nel cui scopo rientra la promozione e la salvaguardia di un modello di sviluppo durevole e sostenibile tra il sistema industriale ed i valori ambientali'.

A questi che sono i fatti riportati nella sentenza si propongono però alcune riflessioni e domande:
1) sono risibili e solo demagogiche le giustificazioni addotte dall’Amministrazione Comunale di Vasto, che non si è costituita in giudizio, screditando la propria struttura amministrativa e il relativo operato dei suoi uffici che avevano, invece, istruito il procedimento con rilascio convinto a favore della EsCal del parere favorevole relativo alla Valutazione di Incidenza Ambientale;
2) comportamento corretto e imparziale, di una pubblica amministrazione, vorrebbe che a fronte della decisione Tar, si ponga in essere ogni azione atta a ristabilire la correttezza dell’operato amministrativo, per esempio acquisendo il parere del Comitato di Gestione e definendo nei giusti termini il relativo procedimento;
3) come pensa, l’amministrazione comunale di Vasto, di ristabilire un’equità di trattamento e ascolto tra tutti gli stakeholder, a fronte della decisione del Tar che ha, di fatto, riconosciuto e legittimato l’esistenza e l’operato dell’Associazione Oasi mai interpellata dal giorno della sua costituzione?
4) per quanto tempo ancora, su problematiche serie e concrete, che minano lo sviluppo e il consolidamento socioeconomico della città di Vasto, si pensa possa pagare una politica ondivaga infarcita di demagogia?
5) con quale spirito la stessa amministrazione comunale promuove la Zes (Zona Economica Speciale), per rilanciare l’economia e lo sviluppo occupazionale del territorio, e dall’altra auspica una completa rivisitazione della zona industriale di Punta Penna?".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi