"Perché il Parco Aqualand non riapre?" - La lettera di Assostampa
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 05/07/2020

"Perché il Parco Aqualand non riapre?"

La lettera di Assostampa

Vasto: il Parco Aqualand"Perché il Parco Aqualand non riapre?". È la domanda che l'Associazione vastese della stampa rivolge a Regione Abruzzo, Comune di Vasto e società di gestione del parco del divertimento. 

"Il Parco Aqualand del Vasto - si legge nella nota del presidente di Assostampa Vasto, Nicola D'Adamo - sembra che rimanga chiuso per l’estate 2020, ma oggi ha aperto il Parco Acquatico Onda Blu di Tortoreto (il 1° luglio Aquafan di Riccione e altri).

Interveniamo come Associazione Vastese della Stampa perché i lettori delle nostre testate ci chiedono notizie sui reali problemi che hanno portato alla chiusura di Aqualand a Vasto.

La domanda è questa: il Governo nazionale e la Regione Abruzzo (come le altre) hanno fornito le linee guida per la gestione dell’impianto in termini di sicurezza anti Covid-19: perché a Vasto Aqualand non apre?

Invitiamo i gestori di Aqualand del Vasto srl, a rispondere chiaramente a questa domanda, anche perché la decisione di tener chiusa la struttura penalizza l’intero Territorio. (Una struttura, è bene ricordarlo, di proprietà comunale, costruita con i soldi pubblici, 14 miliardi di lire nel 1991).

Per ulteriori chiarimenti, invitiamo il Sindaco Menna e il Presidente della Regione Marsilio a fornire notizie sulla loro versione dei fatti".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi