"Perché il Parco Aqualand non riapre?" - La lettera di Assostampa
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 05/07

"Perché il Parco Aqualand non riapre?"

La lettera di Assostampa

Vasto: il Parco Aqualand"Perché il Parco Aqualand non riapre?". È la domanda che l'Associazione vastese della stampa rivolge a Regione Abruzzo, Comune di Vasto e società di gestione del parco del divertimento. 

"Il Parco Aqualand del Vasto - si legge nella nota del presidente di Assostampa Vasto, Nicola D'Adamo - sembra che rimanga chiuso per l’estate 2020, ma oggi ha aperto il Parco Acquatico Onda Blu di Tortoreto (il 1° luglio Aquafan di Riccione e altri).

Interveniamo come Associazione Vastese della Stampa perché i lettori delle nostre testate ci chiedono notizie sui reali problemi che hanno portato alla chiusura di Aqualand a Vasto.

La domanda è questa: il Governo nazionale e la Regione Abruzzo (come le altre) hanno fornito le linee guida per la gestione dell’impianto in termini di sicurezza anti Covid-19: perché a Vasto Aqualand non apre?

Invitiamo i gestori di Aqualand del Vasto srl, a rispondere chiaramente a questa domanda, anche perché la decisione di tener chiusa la struttura penalizza l’intero Territorio. (Una struttura, è bene ricordarlo, di proprietà comunale, costruita con i soldi pubblici, 14 miliardi di lire nel 1991).

Per ulteriori chiarimenti, invitiamo il Sindaco Menna e il Presidente della Regione Marsilio a fornire notizie sulla loro versione dei fatti".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi