"Belvedere Romani ormai è diventato un luogo di incontri hard" - La protesta: "Qui il Comune pulisce solo quando c’è qualche cerimonia"
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

"Belvedere Romani ormai è diventato un luogo di incontri hard"

La protesta: "Qui il Comune pulisce solo quando c’è qualche cerimonia"

Vasto. Belvedere Romani non è più un belvedere: la vegetazione incolta ostruisce la visuale"Belvedere Romani, oltre ad essere abbandonato all'incuria, è divenuto un luogo di appuntamenti hard. I residenti della zona non ne possono più di essere cosiderati cittadini di serie B".

Antonio Parisi, residente della zona, torna ad alzare la voce: "Perfino - dice - le nostre richieste più elementari vengono totalmente ignorate dall'amministrazione comunale. Innanzitutto l'incrocio tra via Crispi e la rampa che porta a piazza Brigata Maiella: nei giorni scorsi ci sono stati due incidenti, ma nulla viene fatto per garantire sicurezza e sanzionare le infrazioni. Sono rimasti lettera morta anche i ripetuti appelli a sistemare qualche panchina nell'area verde adiacente la stessa piazza Brigata Maiella, mentre nel giardino pubblico attorno al Monumento all'Emigrante l'erba viene sfalciata solo quando c'è qualche cerimonia. Si è spezzato un pesante ramo di un pino; è lì, a terra, da settimane. Per fortuna non ha colpito nessuno quando è caduto.

Si chiama area verde di Belvedere Romani, ma - ironizza Parisi - il belvedere non c'è più, perché al di fuori della balconata c'è solo una giungla di vegetazione incolta, talmente alta da ostruire la visuale. Anche a causa del degrado questo, nelle prime ore del mattino, è diventato un luogo di appuntamenti osé. E sotto il viadotto Histonium ci sono mucchi di immondizia da anni".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi