È morta Maria d’Avalos, la penultima della stirpe dei marchesi del Vasto - La discendente della casata nobiliare a settembre avrebbe compiuto 95 anni
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 04/07

È morta Maria d’Avalos, la penultima della stirpe dei marchesi del Vasto

La discendente della casata nobiliare a settembre avrebbe compiuto 95 anni

Maria d'AvalosÈ morta ieri sera Maria d'Avalos, la penultima della stirpe dei feudatari che dominarono Vasto dal 1525 fino all'unità d'Italia. Figlia di Carlo d'Avalos e Giuseppina Basevi, a settembre avrebbe compiuto 95 anni. 

Aveva il titolo di principessa e viveva a Napoli, nel suggestivo quartiere di Posillipo. Era sorella di Francesco d'Avalos, compositore musicale morto nel 2014 a 84 anni. 

Discendente dei marchesi del Vasto, Maria d'Avalos sposò Domenico Viggiani, direttore generale del Banco di Napoli. Il suo ultimo soggiorno a Vasto è del 2013, quando tornò in riva all'Adriatico insieme al figlio Giuseppe e al nipote più piccolo, cui volle far vedere quello che fu il palazzo di famiglia, acquisito dal Comune nel 1974, con il museo e i giardini affacciati sul golfo.

Le spoglie di Maria d'Avalos saranno tumulate nella cappella di famiglia, nel cimitero di Roccaraso, la località montana abruzzese dove i d'Avalos amavano trascorrere periodi di vacanza. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi