"Cinghiali, ormai il problema è irrisolvibile. Ma la caccia di selezione aggrava la situazione" - Parla Stefano Taglioli, storico attivista Wwf e attuale referente del Gruppo Fratino
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 04/07

"Cinghiali, ormai il problema è irrisolvibile. Ma la caccia di selezione aggrava la situazione"

Parla Stefano Taglioli, storico attivista Wwf e attuale referente del Gruppo Fratino

Stefano Taglioli"Secondo me, ormai il problema è irrisolvibile". Stefano Taglioli è un ambientalista di lungo corso. Oltre ad aver gestito la Riserva naturale di Punta Aderci, ha rappresentato il Wwf nell'Ambito territoriale di caccia del Vastese, quindi si è occupato del problema cinghiali.

Il suo approccio è concreto: "Su tutto il territorio italiano - spiega Taglioli, referente del Gruppo Fratino - si stima ci siano tra i 600mila e i 2 milioni di cinghiali. Agli inizi del Novecento erano ridotti al lumicino i cinghiali autoctoni maremmani, che si sono estinti. Il ripopolamento venatorio degli anni Ottanta ha creato degli ibridi tramite gli incroci tra autoctoni ed esemplari importati dall'Est. La conseguenza è stata un aumento della prolificità e anche delle dimensioni dei cinghiali. Poi si è aggiunto il degrado ambientale, da cui è derivata una diminuzione del numero di predatori naturali, in particolare lupi e volpi. Con il professor Andrea Mazzatenta (docente di fisiologia all'Università d'Annunzio di Chieti, n.d.r.), che ha compiuto studi nella Riserva naturale di Punta Aderci, abbiamo visto intere cucciolate depredate da lupi e volpi, la cui presenza nell'area protetta è però molto scarsa.

Contesto - dice Taglioli - l'affermazione secondo cui il problema siano le aree protette, perché i cinghiali fuori dalle riserve sono molti di più. La cattura comporta l'utilizzo di gabbie molto costose e non ha dato risultati rilevanti. La caccia di selezione è controproducente, perché fa aumentare il numero dei cinghiali: se l'abbattimento non è mirato per classe, sesso ed età, si ottiene l'effetto opposto. Ad esempio, se si uccide una femmina alfa, in tutte le femmine del branco insorgerà l'estro che le porterà ad accoppiarsi e a dar vita a numerosi cuccioli. Inoltre, al termine di una caccia di selezione molto diffusa, i cinghiali rimasti risponderanno aumentando la prolificità. La sterilizzazione chimica si attua attraverso capsule sparse sul territorio, ma può dare risultati sul lungo periodo, non in breve tempo. È giusto che il problema vada affrontato per tutelare gli agricoltori dai danni che subiscono, ma la politica - afferma Taglioli - a loro fa promesse che non si possono mantenere".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi