Auto abbandonate, carabinieri forestali rintracciano i proprietari e li obbligano allo smaltimento - 16 veicoli solo nel Vastese
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Cronaca 26/06

Auto abbandonate, carabinieri forestali rintracciano i proprietari e li obbligano allo smaltimento

16 veicoli solo nel Vastese

18 auto abbandonate, ormai non funzionanti di cui 16 nel Vastese. È il frutto dei controlli e dell'attività dei carabinieri forestali di Gissi, Vasto e Lanciano mirati al contrasto dell'abbandono di veicoli nella vegetazione o nelle campagne.
Le carcasse rinvenute sono così distribuite: 8 in territorio di San Salvo, 4 a Palmoli, 2 a Fresagrandinaria, 2 a Tufillo, 1 a Miglianico, 1 a Lanciano.

"I successivi accertamenti – spiega una nota dei carabinieri forestali – hanno consentito di rintracciare tutti i proprietari: uno di essi è stato denunciato all’autorità giudiziaria per inottemperanza a una precedente ordinanza sindacale che prevedeva la rimozione e lo smaltimento di una carcassa di autoveicolo e per gestione illecita di rifiuti speciali. La maggior parte dei proprietari è stata sanzionata ai sensi del Decreto legislativo n. 209/2003 di attuazione della direttiva europea relativa ai veicoli fuori uso, che prevede il conferimento obbligatorio ad un Centro di raccolta autorizzato. Gli altri, per i quali è stata accertata l’avvenuta radiazione dal P.R.A., sono stati sanzionati per abbandono di rifiuti ai sensi del Decreto legislativo n.152/2006 (Testo unico ambientale)".

Per tutti i proprietari è scattato l’obbligo di rimozione e avvio a smaltimento e sono state elevate sanzioni per 27mila euro complessivi. Nei quattro casi in cui gli autoveicoli sono stati rinvenuti su suolo pubblico, si è proceduto, in collaborazione con l’amministrazione comunale interessata, all’immediata rimozione e conferimento ad un autodemolitore autorizzato, con spese a carico dei proprietari.

"I veicoli abbandonati – spiega il comandante Nevio Savini – determinano un elevato inquinamento ambientale per la presenza di  metalli, gomme, plastiche, pneumatici, batterie, vetri, grassi motore, olii esausti, carburanti e lubrificanti che, esposti nel tempo agli agenti atmosferici, si riversano nell’ambiente circostante, fuoriescono  e penetrano nel terreno. Nel caso di veicoli fuori uso i proprietari hanno l’obbligo di provvedere alla rottamazione conferendo il mezzo ad un Centro di raccolta autorizzato, direttamente o tramite soggetto autorizzato ed alla cancellazione del veicolo dal Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.)".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi