"Agenzia delle entrate, troppo pochi due giorni di apertura dello sportello al pubblico" - Alinovi (Codici): "Anziani e disabili costretti a ore di attesa in piedi"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 25/06

"Agenzia delle entrate, troppo pochi due giorni di apertura dello sportello al pubblico"

Alinovi (Codici): "Anziani e disabili costretti a ore di attesa in piedi"

Vasto: utenti in attesa davanti all'Agenzia delle entrate (foto Codici)Lunghe code davanti alla sede di Vasto dell'Agenzia delle entrate. Il problema era stato già segnalato da numerosi utenti nelle scorse settimane.

Protesta l'associazione Codici-centro per i diritti del cittadino: "È impensabile - afferma il referente locale, Riccardo Alinovi - vedere disabili e anziani costretti ad aspettare per ore in piedi il proprio turno, oppure persone devono sedersi per terra o sui muretti in attesa dello scorrimento della fila. A causa delle misure precauzionali di distanziamento interpersonale finalizzato a contenere la diffusione del coronavirus, la sala d'attesa è chiusa, di conseguenza bisogna mettersi in coda nel piazzale antistante la sede di via Santa Lucia e aspettare. Le lunghe code si creano soprattutto perché l'ufficio è aperto al pubblico solo due giorni a settimana. Per questo - conclude Alinovi - Codici rivolge due richieste ai responsabili: raddoppiare i giorni di apertura al pubblico e sistemare panche o sedie nel piazzale per evitare che anziani e disabili siano costretti ad attendere lungamente in piedi. Ringraziamo l'impiegato che, due giorni fa, ha preso una sedia e l'ha portata fuori facendo sedere una persona con disabilità, ma l'aiuto ai cittadini non del tutto autosufficienti non può essere demandato solo al buon cuore dei singoli impiegati". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi