Blu è il nuovo singolo di Ianez: "Per denunciare la violenza non servono parole violente" - Il videoclip del cantautore vastese è diretto da Antonella Giuliano
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Musica 24/06

Blu è il nuovo singolo di Ianez: "Per denunciare la violenza non servono parole violente"

Il videoclip del cantautore vastese è diretto da Antonella Giuliano

È Blu il nuovo singolo di Ianez, un brano di denuncia al femminile scritto e pensato dal cantautore vastese Andrea Iannone, prodotto da Lorenzo D’Annunzio e pubblicato per Satellite Rec. L'uscita del singolo è accompagnata dal videoclip diretto da Antonella Giuliano.

Anche in quqesto pezzo Ianez racconta uno spaccato della società odierna, focalizzando la sua attenzione sul mondo delle donne, sui giudizi e i pregiudizi che le accompagnano e che, troppo spesso, ne segnano la vita. "Non c’è distanza tra le parti ma solo una naturale diversità - spiega Ianez parlando del rapporto tra uomini e donne -. Non esistono lotte per i diritti che siano di genere, ogni conquista sociale appartiene alla civiltà e al progresso. Ogni volta che una donna muore per mano di un uomo siamo tutti responsabili se non ci sentiamo coinvolti e la nostra indifferenza, il nostro pensarci lontani da quel mondo cattivo fa in modo che quella realtà continui ad esistere. La realtà è una sola, senza parallelismi, senza alcuna distinzione ed un: io non sono così è solo un lavarsi le mani in un secchio di sangue e lacrime".

Ed ecco che la protagonista di Blu è "la figura di donna che questa società crea per poi condannarla con il pregiudizio, con gli insulti, con la necessità di sentirsi distanti e migliori. Dietro quella parrucca Blu come i fiocchi appesi alle porte delle case quando nasce un bambino, c’è una persona con i suoi sogni, con le sue paure e con la speranza di essere felice. Dietro quei vestiti adatti al bisogno di vivere, c’è un cuore costretto a fidarsi di qualcuno di cui noi, che ci consideriamo persone per bene, non ci fideremmo mai".

Quella scritta dal cantautore vastese è una "denuncia che descrive in modo ermetico la persona, molte volte costretta, ad indossare il vestito che il silenzio dei buoni gli ha cucito addosso". E sono proprio quei "buoni i veri responsabili delle ingiustizie, sono quelli che hanno bisogno di catalogare le persone in base al vestito, al trucco a ciò che smuove la frustrazione facendoli sentire sporchi dentro, in base a tutto ciò che è semplice".

Il video, ideato da Andrea Ianez e Antonella Giuliano. Dopo un annuncio Instagram per reclutare le attrici, Antonella Giuliano (fotografa e videomaker) ha inviato alle interessate il brano ed un video pilota lasciando libera interpretazione ad ognuna che, guidata da musica e parole, ha espresso a suo modo le sensazioni, le emozioni e i colori trasmessi dalla canzone. Il risultato sono tanti volti e tante espressioni che si mescolano in armonia dando vita ad un'unica intensa emozione.

Il brano è sui più importanti digital store:
Google Play: https://bit.ly/2NlnZbX
Apple Music: https://apple.co/315vj3O
Spotify: https://spoti.fi/3ezlHBW

Guarda il video

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi