Ancora "invasioni" di mezzi sulla Via Verde, a Vasto addirittura un camper - I cittadini hanno chiamato i carabinieri
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 22/06

Ancora "invasioni" di mezzi sulla Via Verde, a Vasto addirittura un camper

I cittadini hanno chiamato i carabinieri

L'annuncio dell'intensificazione dei controlli e l'appello al buon senso evidentemente non sono serviti. Sulla Via Verde anche ieri, domenica 21 giugno, si sono verificate "invasioni" della pista ciclabile da parte di auto e non solo

Emblematico è il caso del tratto vastese dove, in località "Casarsa", è stato addirittura parcheggiato un camper a ridosso della ciclabile. Alcuni cittadini indignati hanno avvisato i carabinieri di Vasto che, giunti sul posto, hanno multato il proprietario. "Ma davvero c'è gente priva di ogno minimo interesse naturalistico e di senso civico? – si chiede il lettore che ci ha inviato lo scatto qui a lato – Noi tutti cittadini dobbiamo sorvegliare e denunciare".

L'invasione della Via Verde da parte delle auto non è certo una novità con casi eclatanti nei primi fine settimana post lockdown. Circostanza questa che ha spinto la Provincia di Chieti, proprietaria dell'opera, a intensificare i controlli e a stringere convenzioni con Comuni e gruppi di protezione civile per vigilare soprattutto durante le prossime fasi di resinatura [LEGGI]: in alcuni tratti pedoni e bici hanno attraversato ciò che è ancora considerato un cantiere nonostante la presenza di vernice fresca.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi