Sit-in davanti ai pini del quartiere San Paolo: "Non vanno tagliati" - La protesta di via Ritucci Chinni. Menna: "Riceverò i manifestanti"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 15/06

Sit-in davanti ai pini del quartiere San Paolo: "Non vanno tagliati"

La protesta di via Ritucci Chinni. Menna: "Riceverò i manifestanti"

Vasto: i manifestanti in via Ritucci ChinniGli otto pini non devono essere tagliati. Sono irremovibili i manifestanti di via Ritucci Chinni.

Stamani a Vasto un gruppo di cittadini ha inscenato un sit-in di protesta davanti agli alberi che, nel progetto dell'amministrazione comunale, vanno tagliati per rimettere a nuovo asfalto e marciapiede di fronte alla chiesa di San Paolo Apostolo. Per il Comune, sono le radici orizzontali dei pini, piantati lì nel 1995, a rovinare marciapiedi e parcheggi sottostanti le otto conifere, che la Giunta Menna vuole sostituire con alberi di altra specie.

Un pino è stato già segato la scorsa settimana. Per dire no al taglio degli altri sette, si sono ritrovati stamani alle 7.30 ambientalisti - tra cui Luigi Cinquina, Stefano Taglioli,e Nicholas Tomeo - attivisti del comitato Arcobaleno di Angela Pennetta, e alcuni residenti. Alle 11 si sposteranno in municipio per parlare col sindaco, Francesco Menna: "Propongono un allargamento del marciapiede. Li ho inviati a mettere per iscritto le loro osservazioni. Li riceverò e ragionerò con loro". Intanto lavori in corso nel cantiere.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi