Abbattimento pini, Menna: "Prevalse le ragioni della pubblica incolumità" - Il sindaco: "Non è stato possibile individuare percorso differente"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 15/06/2020

Abbattimento pini, Menna: "Prevalse le ragioni della pubblica incolumità"

Il sindaco: "Non è stato possibile individuare percorso differente"

"Sono prevalse le ragioni della pubblica incolumità". Così, il sindaco Francesco Menna, spiega il perchè, dopo l'incontro in Municipio in cui c'era stato l'impegno a valutare proposte alternative al taglio dei pini di via Ritucci Chinni [LEGGI], le operazioni siano andate avanti con l'eliminazione degli alberi trentennali [LEGGI]. 

"Oggi ho avuto un incontro con i cittadini contrari all’abbattimento degli alberi in via Ritucci Chinni. Interpellata la ditta, ho ascoltato le loro ragioni e ho preso l’impegno che avrei valutato unitamente agli uffici tecnici comunali e alla ditta esecutrice dell’appalto, possibili soluzioni alternative all’abbattimento. Tuttavia, mio malgrado, non è stato possibile individuare un percorso differente da quello che ha previsto il taglio degli alberi".

Due le motivazioni riportate dal primo cittadino. "La più importante attiene alla pubblica incolumità e alla sicurezza dei cittadini alla quale, in qualità di sindaco, devo sempre mostrare la massima attenzione. A tal riguardo la stessa ditta mi ha segnalato che non si sarebbe assunta alcuna responsabilità, per danni seri a persone o cose, che sarebbero potuti accadere a causa del precario stato delle piante". C'è poi una seconda questione che "attiene comunque alla impossibilità di modificare in corso d’opera dei lavori oggetto di appalto e contrattualizzati con un progetto definito con gli uffici tecnici comunali". Dal sindaco la promessa che "l’area vedrà a breve nuove piantumazioni arboree in numero anche superiore rispetto all’attuale, già in fase progettuale le specie da collocare".

La critica dell'opposizione. Non si è fatta attendere la nota di critica dei consiglieri di centrodestra. "Associazioni, Comitati, liberi cittadini: chi più ne ha, più ne metta! Attenti a Francesco Menna. Mentre vi riceve, mentre vi promette, mentre vi allontana dal luogo del delitto, fa ammazzare i poveri alberi senza pietà. E ora, ahinoi, anche le associazioni che tanto lo hanno caldeggiato e accarezzato, scrivono di Amministrazione fallimentare e bugiarda. La delusione è cocente, il raggiro senza precedenti. Gli ambientalisti, quelli veri, ormai l’hanno conosciuto e non lo sosterranno più", scrivono Alessandra Cappa, Davide D'Alessandro, Alessandro d'Elisa, Guido Giangiacomo, Edmondo Laudazi, Francesco Prospero e Vincenzo Suriani.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi